loader
menu
© 2022 Eddyburg
Anonimo
‘O matrimonio d’o Guarracino
27 Marzo 2005
'O Guarracino
Un gentile frequentatore del sito mi ha inviato questa versione della canzone del guarracino, probabilmente più antica di quella più nota. La storia è in po’ diversa: la Sardella era già incinta, e la rissa è modesta

O MATRIMONIO D’O GUARRACINO

Rielaborazione di Roberto De Simone

Della famosa favola del “Guarracino” esistono tuttora moltissimi episodi nella tradizione viva della Campania. E’ questo il racconto di questo eroe marino attraverso il quale si può vedere quanto siano diversi il testo e la melodia autentica dalla ottocentesca versione riportata dalle stampe. (Tratto dal booklet del CD «Nascette mmiez’o mare» di Concetta Barra, registrato nel 1974)

Lo guarracino che jeva p’o mare

jeva truvanno ‘e se nzorà

e se facette nu bello vestito

‘e squame ‘e pesce pulito pulito

visitanno fosse e pertose

se ncuntraje c’a zia vavosa

là pe là le facette ‘a mmasciata

e ‘o matrimonio fuje cumbinato

P’o spusalizio ce fuje mmitato

‘o scuorfano ‘o ciefalo e ‘o pesce spada

alici e sarde a meliune

anguille murene e capitune

merluzze spinule e purpetielle

treglie mazzune e cecenielle

aurate dentece e calamare

e ‘o delfino facette ‘o cumpare

Nu pesce bannera tutto aparato

l’ha beneritto cu l’acqua salata

e ‘o guarracino dicette allero

“Finalmente me sì mugliera”

“Evviva ‘e spuse” abbajaje ‘o pescecane

e tutte ‘e pisce sbattettero ‘e mmane

tra vase e squase abbracciamente

accuminciaje ‘o festeggiamento

Ascette mmiez la guaguiglia

ca cumannava na bella quadriglia

aropp’ascettero li seccetelle

cu ‘e tammorre e ‘e castagnelle

e accussì nzieme a li spuse nu uallo

s’abballaje la tarantella

accumpagnato d’o pesce salmone

ca sunava lo calascione

La sardella se sente ind’a panza

comme si fosse na cuntrattanza

“Aiuto aiuto” alluccaje n’alice

“Priesto chiammate na levatrice”

“E’ cos’’e niente” dicette ‘a murena

“Chella ‘a sposa già eva prena”

“A chi è figlio” strillaje ‘o guarracino

“M’ha fatto curnuto ‘e Santu Martino”

“O ssaccio” alluccaje ‘o sparaglione

“stu mbruoglio l’ha fatto c’o capitone”

allucche strille nu parapiglia

tra pisce estranei e la famiglia

venettero mmiezz amice e pariente

e subbeto ascettero a pisce fetiente

a tutt chest li pisce mmitate

s’appicicavano ll’une cu ll’ate

Chianette ponie e secossune

pacchere cavece e scerevicchiune

e succerette proprio na uerra

nu fuja fuja e nu serra serra

cinquanta muorte duicento ferite

e n’ati vinte m’periculo ‘e vita

e ll’ate jettero add’o speziale

pe piglià ll’acqua turriacale

E la sposa pe la paura

se sgravaje na criatura

e fuje na granda maraviglia

pecchè facette lu scunciglio

e accussì se facette ‘o festino

d’o spusalizio d’o guarracino

e accussì se facette ‘o festino

d’o spusalizio d’o guarracino

Altre versioni e supporti sul Guarracino

ARTICOLI CORRELATI
11 Luglio 2004
11 Luglio 2004
11 Luglio 2004
© 2022 Eddyburg