loader
menu
© 2022 Eddyburg
ignoto
'O Guarracino
11 Luglio 2004
'O Guarracino
Vedendo sul mio sito Lo Guarracino, e la nota degli amici di cava dei Tirreni, Fabrizio Borgogna mi ha mandato quest’altra edizione della canzone. Essa “appartiene al disco Li sarracini adorano lu sole, del 1974, della Nuova Compagnia di Canto Popolare”, mentre la ”canzone classica è invece da loro incisa nel disco uscito nel 1972, che si intitolava proprio Lo guarracino".

A parere di Fabrizio Borgogna, O guarracino (cioè il testo inserito qui sotto) "non è una creazione della Nuova Compagnia di Canto Popolare, ma una canzone tradizionale rielaborata da Roberto de Simone". Borgogna osserva che “rispetto alla tradizionale è molto più semplice: è più breve, la sintassi è meno ricercata e le specie di pesce citate sono di gran lunga inferiori (17 contro la settantina de Lo guarracino)”. Ricorda che “in alcune isole e località rivierasche napoletane esisteva un canto popolarededicato al guarracino, molto simile alla canzone di cui sto parlando, soprattutto come musica” e osserva come sia improbabile che il testo rielaborato da De Simone “sia quel canto (credo sia troppo complessa e lunga per essere una canzone popolare), ma potrebbe essere una canzone d'autore che si ispira a quel canto”.

Con una interpretazione che mi sembra del tutto logica e condivisibile il mio gentile corrispondente conclude che, “essendo senza dubbio anche Lo Guarracino una canzone d'autore, ed essendo soprattutto la musica ed il ritmo completamente diversi dalle altre due canzoni, potrebbe anche essere che 'O guarracino sia una canzone precedente a questa e alla quale Lo guarracino fece riferimento”. Il testo è tratto dal sito della Nuova Compagnia

'O guarracino ca jeva p'o mare

jeve truvanno 'e se nzorare (...'e se nguaiare)

se facette 'nu bello vestito

chino chino 'e scorze d'ancino

nu scarpino fatt'a ngrese

'a pettinatura a la francese (...'o cazunciello a la francese)

allustrato e puletiello

jeva facenno 'o nnammuratiello

La sardella ca 'o verette

'o ghianco e 'o russo se mettette

po' pigliaie 'o calascione

e mpruvvisaie 'na canzone (...po' chiammaie a Pascalone/e l'ammustaie chistu cazone)

'a canzone c''o liuto

'o guarracino s'è ncannaruto (...nzallanuto)

Passa a tiempo 'a zia vavosa

vecchia trammera zandragliosa

'a vavosa pe' 'nu rano

faceva li pisce la ruffiana (...frieva l'ove 'int''o tiano)

jesce llà fora e mpostal''o pietto

si vuò stu marito rint''o lietto (...si vuò fa mò 'nu rispietto)

'A sardella a sti parole

se facette 'na bbona scola

de curzera s'affacciaie

e 'o guarracino zenniaie (...e tutte li trezze l'ammustaie)

mentre ca lloro amuriggiavano

tutte li pisce se n'addunavano (...se masteriavano)

Primma fuie 'na raosta

ca da luntano faceva la posta

pò se ne venne la raia petrosa

e 'a chiammaie schefenzosa (...brutta zellosa)

pecché trarev'all'allitterato

ca era geluso e nnammurato (...ca era 'nu piezzo 'e scurnacchiato)

L'allitterato ca l'appuraie

tutti li sante jastemmaie

e alluccanno voglio vendetta

corze alla casa comm'a saetta.

Pò s'armaie fino fino

pe' sguarrà lu guarracino (...pe' spaccà lu guarracino)

Marammé oi mamma bella

alluccava la zi' sardella

e 'a vedé stu cumbattimento

le venette 'nu svenimento

le venette 'n'antecore

e tutt'e pisci ascettero fore (...e 'o capitone ascette fore)

Bello e bbuono comm'a niente

ascettero tutte a pisci fetiente

tira e molla piglia e afferra

mmiez'a sti pisci lu serra serra

Quatto ciefere arraggiate

se pigliavano a capuzzate tutte li purpe cu ciento vraccia

se pigliavano a pisci 'nfaccia (...a panne 'nfaccia)

'na purpessa a 'na vicina

le faceva lu strascino (...le stracciaie lu suttanino)

Mentre 'e sarde alluccavano a mare

"ca ve pozzano strafucare!"

'nu marvizzo cu 'n'uocchio ammaccato

deva mazzate da cecato

quanno cugliette pe' scagno a 'na vopa

chesta pigliaie 'na mazza de scopa

Piglia sta mazza e fuje da llà

mannaggia lu pesce c''o baccalà

se secutavano ore e ore

pigliala 'a capa e fuje p''a cora.

Ddoje arenche vecchie bizzoche

se paliavano poco a poco

e ammaccannose 'o paniello

misero mmiezo a 'nu piscitiello

stu piscitiello che era fetente

facette 'na mossa malamente

stu piscitiello svergugnato

facette po' sotto 'o smaliziato (...disgraziato/...'o scurnacchiato)

Ma 'nu palammeto bunacchione

magnava cozzeche c''o limone

e 'nu marvizzo vistolo sulo

te lo piglia a cavece 'nculo (...a muorze 'nculo)

tutto nzieme a sta jurnata

se sentette 'na scuppettata

Pe' la paura a 'na patella

le venette 'na cacarella

pe' la paura 'a nu piscitiello

le venette 'nu riscinziello (...s'arrugnaie lu ciciniello)

mentre 'nu rancio farabutto

muzzecava li piere a tutte

muorte e bbive ne li stesse

ce cantava 'e Ssante Messe

Se pigliavano a mala parole

e se nturzavano bbuono e mmole

po' pe' farse 'na bbona ragione

danno de mano a lu cannone

'o cannone facette 'nu scuoppo

lu guarracino restaie zuoppo

zuoppo zuoppo mmiez''a via

che mmalora e mamma mia (...tuppe tuppe bella mia/che mmalora e mamma mia)

Signure mieie ca sentite

vurria sapé si 'o credite

chi s'agliotte sti pallone

tene 'nu bbuono cannarone

chi s'agliotte chesta palla

cu tutt''e pisci rimana a galla

zuffamiré e zuffamirella

e 'ntinderindì sta tarantella (...zuffamiré zuffamirà/mannaggia lu pesce c''o baccalà)

L'altra edizione

ARTICOLI CORRELATI
© 2022 Eddyburg