loader
menu
© 2022 Eddyburg

Imola: Osteria del VicoloNuovo
9 Aprile 2004
Mangiare e bere in Italia
Mi dispiace di non avere più occasione di lavorare a Imola. Soprattutto perché non ho più la possibilità di mangiare spesso all’Osteria del Vicolo Nuovo. È un posto delizioso.

Alla raffinatezza della cucina si aggiunge il gusto dell’arredo della vecchia rimessa, l’accoglienza amichevole di Ambra e delle sue socie, l’ampia scelta di vini dell’enoteca, i prezzi contenuti. Ottimi e molto convenienti i menu delle colazioni di lavoro (verde, rosso, azzurro rispettivamente a base di verdure, carne, pesce), squisiti i dolci, molto gradevoli i formaggi e gli affettati che potete trovare la sera fino a tardi. Finché non avete l’occasione di andarci, accontentatevi dell’utilissimo sito dell’Osteria del Vicolo nuovo, dove potete anche guardare la carta “prezzata” e illustrata, e prenotare.

L’Osteria aderisce a due reti significative. Una è lo Slow food, l’altra è Le donne del vino: i link ai siti li trovate qui accanto. Dopo aver frequentato l’Osteria di Imola viene voglia di conoscere anche le altre osterie delle donne.

Osteria del Vicolo nuovo


© 2022 Eddyburg