loader
menu
© 2022 Eddyburg

Eddytoriale 59 (27 novembre 2004)
2 Gennaio 2008
Eddytoriali 2004
A differenza del Faust il diavolo non ha chiesto l’anima a Berlusconi, e non gli ha promesso l’eterna giovinezza. Gli ha concesso di diventare sempre più ricco, e in cambio gli ha assegnato una triplice missione: distruggere il Belpaese, distruggere lo Stato, continuare a dirigere gli italiani. I provvedimenti sulle tasse sono conseguenti a questa missione. Due effetti del provvedimento sono evidenti: Berlusconi può dire di aver mantenuto le sue promesse; il degrado dello Stato (della pubblica amministrazione) avrà un vigoroso impulso.

Due effetti del provvedimento sono evidenti: Berlusconi può dire di aver mantenuto le sue promesse; il degrado dello Stato (della pubblica amministrazione) avrà un vigoroso impulso. Sul primo punto si potrebbe obbiettare: ma vuoi che l’elettorato non si accorga subito che quel provvedimento ruba ai poveri per dare ai ricchi? E i ricchi non sono una minoranza del corpo elettorale? Mi piacerebbe che fosse così, ma non ne sono sicuro. Per due ragioni che proverò ad esporre.

La prima. Berlusconi ha il monopolio dell’informazione. Lo ha denunciato un uomo non sospetto di sinistrismo: Giuseppe Tesauro, il capo dell’Antitrust. Avere il potere di controllare le due aziende che detengono la maggioranza schiacciante dell’informazione radiotelevisiva significa avere lo stesso potere del Grande fratello (quello di Orwell, non quello della TV). Oltre alla denuncia di Tesauro leggetevi anche lo scritto di Luciano Canfora sulla democrazia, e domandatevi se è anchora questo il regime che ci governa. Io temo che una parte consistente degli italiani si farà convincere che il premier sta lavorando nella direzione giusta,e che ha dato sia ai poveri che ai ricchi (perchè questi investano e diano occupazione).

La seconda. Per battere Berlusconi e la sua accolita alle prossime elezioni ci vuole un’antagonista, che abbia una forza paragonabile a quella dell’avversario. Non mi sembra che il centrosinistra abbia saputo affermare con una forza, continuità e capacità di convinzione confrontabile con quelle spese da Berlusconi per propagandare il suo “meno tasse” quello che ha scritto Fabrizio Galimberti sul giornale della Confindustria: che le tasse bisogna pagarle, che le tasse servono a finanziare i servizi e le opere necessari per la vita e il benesssere dei cittadini e la funzionalità delle imprese, che perciò l’obiettivo è quello di far funzionare meglio lo Stato.

Quello che è certo è che, per far pagare a una platea dai confini ancora incerti un po’ meno di tasse il governo ha ulteriormente aggravato llo stato della pubbblica amministrazione. Sempre più spesso le regioni, le province, i comuni si trocveranno di fronte al dilemma: aumentare le imposte o ridurre i servizi. Sempre più spesso l’ideologia berlusconiana (alla quale nessun’altra si oppone) indurrà a ridurre i servizi, quando l’obiettivo dovrebbe essere quello di aumentarli e migliorarli. Colpiti saranno soprattutto i meno difesi: i giovani, le donne, gli emigrati, gli anziani.

E i posteri, per i quali il Belpaese (distrutto sia con i ripetuti condoni, con lo stravolgimento delle leggi sull’ambiente e il paesaggio, con la demolizione della pubblica amministrazione) sarà una favola raccontata da qualche nonno o nonna che potrà raccontare com’era l’Italia quando Antonio Cederna faceva le sue battaglie, quando Giacomo Mancini salvava l’Appia Antica, quando la prima Giunta Bassolino faceva rinascere Napoli, quando il Parlamento dopo i crolli di Agrigento discuteva su una nuova legge urbanistica, quando i partiti di sinistra portavano l’Emilia Romagna e il suo territorio al livello dei paesi più avanzati d’Europa.

P.S. - Questa nota non intende demonizzare Berlusconi, ma ricordare quello che è. L'immagine è tratta dall'Allegoria del cattivo governo, di Ambrogio Lorenzetti, nel Palazzo comunale di Siena. Qui sotto l'immagine intera.


ARTICOLI CORRELATI
© 2022 Eddyburg