loader
menu
© 2022 Eddyburg

Il convegno
1 Dicembre 2008
2009 Città bene comune, vertenza europea
Presentazione e programma del convegno, organizzato dalla Rete Camere del lavoro-CGIL, eddyburg.it, Zone onlus, e dalla facoltà di Pianificazione del territorio dell’Iuav; Venezia, 24 novembre 2008

In concomitanza con l’incontro a Marsiglia dei ministri europei per la casa e la città e sulla base delle decisioni comuni assunte all’European social forum di Malmö si terrà a Venezia un convegno sulla situazione attuale e sulle prospettive che si aprono al sindacato dei lavoratori e ai movimenti della società civile.

Città e territorio - l’ambiente della vita dell’umanità -sono abbandonati dai poteri pubblici. Essi sono utilizzati esclusivamente per arricchire i loro padroni. I problemi sono lasciati marcire, se qualcuno non può trarre tornaconto dalla loro soluzione. L’ambiente e la sua tutela, l’accesso a una abitazione soddisfacente e a un prezzo ragionevole, l’utilizzazione dei servizi sociali indispensabili alla vita (scuola, salute, sport, ricreazione, cultura), sono lasciati sempre più alla mercè del mercato: vengono soddisfatte così le richieste di chi può spendere, restano inevase le domande della quota, continuamente crescente, di chi al mercato non può ricorrere.

Succede in Italia, e non solo in Italia. La privatizzazione dei beni comuni e delle utilità sociali è uno degli assi dell’ideologia e della politica del neoliberalismo. Dovunque – in misura maggiore o minore, con resistenze maggiori o minori da parte della società e delle istituzioni democratiche – la distruzione del “welfare territoriale” si accompagna a quella del welfare sociale. Entrambi, nella loro perversa sinergia, costituiscono l’altra faccia del processo parallelo di dequalificazione del ruolo del lavoro, e tutti agiscono pesantemente sulle condizioni di vita degli abitanti delle città e dei territori, la cui composizione demografica in questi anni è oggetto di profonde modificazioni dovute ai processi migratori .

.

Deboli sono ancora le resistenze, e la costruzione di alternative, a questi processi. Nella società sono vive, e danno luogo a reazioni interessanti e crescenti, le iniziative per la difesa dell’ambiente naturale e storico. Comincia appena a manifestarsi una protesta per la difficoltà di abitare, di godere di un’abitazione adeguata alle proprie esigenze. Si manifestano sporadicamente iniziative per la difesa di spazi pubblici minacciati dalla privatizzazione, e per la crescente segregazione degli abitanti appartenenti alle categorie più deboli. Il disagio per le condizioni dei trasporti pubblici, e per l’immane spreco di tempo e risorse preteso dalla mobilità per il lavoro e i servizi, non dà ancora luogo a significative proteste. Soprattutto, è debolissima la consapevolezza che tutti questi aspetti (l’ambiente, la casa, i servizi, i trasporti) sono tutti legati tra loro: sono componenti distinte ma non separate della politica del territorio, di quella politica del territorio che ha nella pianificazione, urbana e territoriale, il proprio essenziale strumento democratico di governo.

Su questi aspetti si è ragionato anche nelle recenti sessioni del Forum sociale europeo, constatando l’esistenza di un interesse diffuso ad affrontare il tema da parte di numerose associazioni, gruppi, comitati e organizzazioni presenti in ogni regione d’Europa. Si è deciso di costituire un forum permanente, centrato sullo slogan: “il diritto alla città deve essere garantito a tutti i suoi abitanti, e per ottenerlo la città deve essere considerata e organizzata come un bene comune”.

Le Camere del lavoro di Bologna, Ferrara, Modena, Padova, Reggio Emilia, Venezia, Vicenza insieme a eddyburg e all’associazione Zone onlus (con i quali hanno organizzato gli eventi sulla città al Forum sociale europeo), e alla facoltà di Pianificazione del territorio dell’Università Iuav di Venezia, organizzano un convegno per affrontare i temi sopra enunciati: per individuare le tendenze in atto e le possibili alternative, sia nell’insieme delle politiche urbane sia nelle loro diverse componenti.

Il convegno si aprirà con due interventi di carattere generale, che forniranno alcune coordinate della riflessione così come è emersa dal Forum sociale europeo. Successivamente saranno affrontati alcuni aspetti particolari della crisi della città e delle possibili risposte (la casa, la segregazione,la mobilità, l’ambiente, la pianificazione) sia da alcuni esperti sia dai rappresentanti del movimento sindacale. Gli obiettivi sono la crescita di una consapevolezza sempre più larga della situazione e della sua gravità e l’individuazione di azioni possibili, anche attraverso la contrattazione confederale territoriale, per una soluzione dei problemi alternativa a quella del mercato.

PROGRAMMA

9.30 Registrazione

10.00 Saluto del preside della facoltà di Pianificazione del territorio dell’Iuav: Domenico Patassini

Introduzione: Sergio Chiloiro

10,10 Sessione I: Dopo l’European social forum di Malmo

Coordina: Sergio Chiloiro

La città come bene comune: Edoardo Salzano

Città e lavoro, le due vittime del neoliberismo: Oscar Mancini

Proiezione di due filmati

11.00 Sessione II: L’Italia nella morsa del neoliberalismo straccione

Coordina: Ilaria Boniburini

La città come luogo delle espulsioni e delle segregazioni: Paola Somma

Realtà e prospettive per il problema della casa: Mauro Baioni

La dimensione sovracomunale in Italia e in Europa: Cristina Gibelli

Due modelli di sviluppo per il Nord-Est italiano: Anna Marson

12.20 Sessione III: Dalle città, dai territori, dai luoghi di lavoro

Coordina: Andrea Fabbri Cossarini

Interventi delle Camere del lavoro e dei movimenti della società civile

Bologna: Mauro Alboresi

Ferrara: Giuliano Guietti

Modena: Donato Pivanti

Padova : Andrea Castagna

13.00 Pausa buffet

14.00 Continua Sessione III

Interventi delle Camere del lavoro e dei movimenti della società civile

Reggio Emilia: Matteo Alberini

Venezia: Sergio Chiloiro

Vicenza: Maurizio Ferron

Roma: Antonio Castronovi

14.45 Dibattito

Coordina: Andrea Fabbri Cossarini

16.30 Conclusioni

Mauro Alboresi ed Edoardo Salzano

ARTICOLI CORRELATI
2 Marzo 2010
22 Gennaio 2009

© 2022 Eddyburg