loader
menu
© 2022 Eddyburg
Raffaele Petra
Petra, 'A confessione 'e Taniello
10 Agosto 2004
Poesie
Raffaele Petra, Marchese di Caccavone, nasce a Napoli il 7 gennaio 1798 Non condivise i moti del 1820-21, e appoggiò la monarchia, ma 1825 sposò la causa repubblicana e liberale, anche se si mantenne fedele allo Stato come suo funzionario

Taniello, ch'ave scrupole

mò che se vo' nzurà,

piglia e da Fra Liborio

va pe' se cunfessà.

«Patre - le dice - i' roseco,

i' pe nniente me mpesto;

ma po' dico 'o rusario,

e chello va pe cchesto...

Patre, ncuollo a li ffemmene

campo e ncoppa a 'o bordello;

ma sento messe e predeche...

e chesto va pe chello.

Iastemmo, arrobbo... 'O prossimo

spoglio e le dongo 'o riesto;

ma po' faccio 'a lemmosena...

e chello va pe' cchesto.

E mo, Patre, sentitela

st'urdema cannonata:

a sora vostra, Briggeta,

me l'aggio nsaponata...»

Se vota Fra Liborio:

«Guagliò, tu si’ Taniello?...

I' me nsapono a mammeta,

e chesto va pe cchello!»

NOTE

Nzurà= sposare

Roseco = molesto, brontolo

Me mpesto = mi arrabbio

ARTICOLI CORRELATI
© 2022 Eddyburg