loader
menu
© 2023 Eddyburg
Massimo Franchi
Ripartire subito dagli affitti; ecco le 4 regole di Pd e Cgil
24 Marzo 2009
La barbara edilizia di Berlusconi
Una proposta per la casa, non per l’edilizia, per le persone, non per gli affari. L’Unità, 24 marzo 2009

Tutto è partito con una bella lettera al Sole24ore. Il ministro Brunetta ha lanciato la sua idea meravigliosa: il piano di vendita delle case popolari. Le 768 mila famiglie inquiline di case dell’ex Iacp potranno diventarne proprietari. Il governo si impegna a proporre loro un mutuo sostenibile, così spiega Brunetta, magicamente l’alloggio «aumenta di valore per il solo fatto di essere stato privatizzato» e il tutto migliora la situazione economica delle famiglie e dunque del Paese, mettendo in circolo ben 20 miliardi. Tutto meraviglioso, tutto positivo. Peccato però che lo stesso Brunetta avesse presentato un piano identico nel 2005 quando era un “semplice” consulente economico dello stesso presidente del Consiglio. Lo aveva fatto scrivere nelle Finanziaria 2006, ma appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale furono le Regioni a sollevare dubbi di costituzionalità. Dubbi diventati realtà per mezzo di una sentenza della Corte Costituzionale che ha bloccato la norma, di fatto cancellandola. Quattro anni dopo lo stesso Brunetta la ripropone da ministro dell’Innovazione e della Pubblica amministrazione, dimenticando che nel frattempo nulla è cambiato: gli ex Iacp sono diventate enti regionali, in quanto tali facenti capo alle regioni stesse.

«PIANO CASA INCOSTITUZIONALE»

Ci sono sempre le Regioni di mezzo. Anche per quanto il piano casa tanto caro a Silvio Berlusconi. Ieri l’ultima bozza del decreto definito “Misure urgenti per il rilancio dell’economia attraverso la ripresa delle attività imprenditoriali edili”. All’articolo 1 comma 2 c’è scritto: «Le norme del presente decreto trovano applicazione su tutto il territorio nazionale, sino all’emanazione di leggi regionali in materia di governo del territorio». La traduzione in termini più comprensibili la fa il segretario del Pd Dario Franceschini: «È peggio di quanto annunciato da Berlusconi. È un piano palesemente incostituzionale perché la materia è di competenza regionale ed invece con il decreto i comuni (proprietari di altri 400 mila abitazioni, Ndr) e le regioni sarebbero scavalcati». L’articolo 2 va pure oltre e prevede: «l’ampliamento dell’unità immobiliare mediante la realizzazione di nuovi volumi e superfici in deroga alle disposizioni legislative, agli strumenti urbanistici vigenti o adottati e ai regolamenti edilizi». Ancora la traduzione di Franceschini: «Non ci sono più né norme urbanistiche nè piani regolatori, azzerati dal decreto legge». Il piano casa «è una operazione priva di senso e una devastazione del territorio italiano» e perciò, afferma Franceschini, «non potrà più trovare una posizione di confronto da parte del Pd». In poche parole, un condono permanente. «Spero si fermino e ci ripensino», conclude il segretario democratico.

La casa è quindi diventata improvvisamente una priorità del governo. Ma solo quella di proprietà o che diventerà di proprietà. Nei piani del governo non si trova uno straccio di norma per le 150 mila famiglie che, come hanno denunciato Sunia e Cgil, rischiano lo sfratto perché non in più grado di pagare l’affitto.

PD E CGIL: PARTIRE DAGLI AFFITTI

Proprio da qui propone invece di partire il Pd. Il suo piano casa è una proposta in 4 punti per sostenere chi una casa non ce l’ha: possibilità di detrarre anche parzialmente il canone per chi vive in affitto, incentivo all’affitto facendo calare al 20 per cento l’aliquota Irpef pagata dagli affittuari e assieme a questo altre forme d’incentivazione per evitare che molti appartamenti rimangano sfitti e infine un piano reale di edilizia popolare per la costruzione di almeno 5 mila nuovi alloggi.

Pd e Cgil all’inizio erano stati possibilisti sul piano casa del governo, «per non rischiare di essere ideologici», come aveva dichiarato Epifani. Ma entrambi hanno dovuto constatare che «quello del governo non è un piano casa, ma un decreto sull’edilizia» e così come risposta si propone di puntare sull’efficienza energetica e sulla diffusione delle fonti rinnovabili. In questo quadro e con regole e controlli certi allora sì che si potrebbe dar vita ad un piano casa che promuova interventi per rendere più moderno ed efficiente il patrimonio edilizio. Provvedimenti efficaci, cantierabili da subito, sarebbero un volano per rilanciare l’economia, ma nel segno della qualità.

Postilla

Questa paura di essere “ideologici” (vedi anche il commento di Pippo Ciorra sul manifesto)… Perché, i berluscones non hanno un’ideologia? Anzi, il guaio è che ce l’hanno solo loro. Sarebbe bello se quanti si oppongono a Berlusconi esprimessero anche loro “l’insieme di credenze del [loro] gruppo e dei [loro] membri, che [ne] guidano l’interpretazione degli eventi e condizionano le pratiche sociali” (Teun A. van Dijk, Ideologie, Carocci, 2004).

ARTICOLI CORRELATI

© 2023 Eddyburg