loader
menu
© 2023 Eddyburg
Vezio De Lucia
Berlinguer ti voglio bene
23 Marzo 2009
La barbara edilizia di Berlusconi
Un commento per la rivista online Nuova Società alla luce di un insegnamento che è un punto di partenza per il futuro

Berlusconi ha spiazzato tutti. Forse non ero il solo, in queste settimane d’angoscia, a ricordare Enrico Berlinguer e il suo discorso sull’austerità, al tempo della crisi energetica degli anni Settanta, quando repentinamente tramontarono le illusioni di uno sviluppo economico illimitato basato sul petrolio a basso costo. Penso che in molti abbiamo pensato di riprendere il tema dell’austerità, rassicurati dal fatto che il più grande paese capitalistico del mondo e della storia percorreva anch’esso strade inaspettate, varando misure a favore della riconversione sostenibile dell’economia, della cultura, della ricerca scientifica, dell’istruzione e della sanità pubblica. Invece, improvvisamente, il nostro presidente del consiglio, con il suo forsennato rilancio della speculazione fondiaria come misura risolutiva per uscire dalla crisi, ci ha brutalmente ricondotti nello squallore terra-terra della nostra realtà.

L'aspetto più preoccupante è che l’azione governativa solletica egoismi profondi e diffusi del popolo italiano, soprattutto nel Mezzogiorno. Il piano casa è un paravento. La realtà è un'esasperazione della linea "padroni in casa propria", quella stessa linea che aveva accompagnato gli sciagurati condoni edilizi degli anni passati. Altro che austerità, altro che rilancio della cultura e della solidarietà. Se non ci mobilitiamo con coraggio e determinazione, la crisi economica si svilupperà in un paesaggio di scempi e di sperpero di denaro pubblico.

L'articolo è stato scritto per la rivista settimanale online Nuova Società, diretta da Diego Novelli

ARTICOLI CORRELATI

© 2023 Eddyburg