loader
menu
© 2022 Eddyburg
Giuseppe Gioacchino Belli
Belli, Er deserto
16 Settembre 2004
Poesie
Così era la campagna romana ai tempi del poeta (1791-1863); l'ultimo verso ne sottolinea con forza la drammaticità. Una potente poesia territoriale

Er deserto

Dio me ne guardi, Cristo e la Madonna

d'annà ppiú ppe ggiuncata a sto precojjo.

Prima... che pposso dí?... pprima me vojjo

fa ccastrà dda un norcino a la ritonna.

Fà ddiesci mijja e nun vedé una fronna!

Imbatte ammalappena in quarche scojjo!

Dapertutto un zilenzio com'un ojjo.

che ssi strilli nun c'è cchi tt'arisponna!

Dove te vorti una campaggna rasa

come sce ssi passata la pianozza,

senza manco l'impronta d'una casa!

L'unica cosa sola c'ho ttrovato

in tutt'er viaggio, è stata una bbarrozza

cor barrozzaro ggiú mmorto ammazzato.

26 marzo 1836

Chi è G. G. Belli

ARTICOLI CORRELATI
© 2022 Eddyburg