loader
menu
© 2022 Eddyburg
Laura Larcan
"Uno scempio consentito da generazioni di amministratori"
23 Giugno 2011
Pagine di cronaca
All’inaugurazione della mostra sui problemi dell’Appia antica, anche la politica sembra accorgersi che qualcosa non va...Da Repubblica.it, 23 giugno 2011 (m.p.g.)

Erano undici anni che un ministro per i Beni culturali non metteva piede sull'Appia Antica. Ieri Giancarlo Galan ha rotto questa tradizione, ha affrontato con un pizzico di amarezza tutta la storia dell'abusivismo edilizio consumatosi dal 1965 ad oggi ai danni della Regina Viarum, che documenta la bella e tragica mostra "La Mia Appia. Laboratorio di mondi possibili tra ferite ancora aperte" in scena a Capo di Bove. E ha preso formalmente un doppio impegno: l'istituzione del parco archeologico dell'Appia Antica e la disponibilità a risorse per acquisire monumenti antichi di proprietà privata.

Una risposta doverosa, quella del ministro, agli appelli lanciati dalla soprintendente ai beni archeologici Anna Maria Moretti e dalla direttrice dell'Appia Antica Rita Paris, applauditissima quest'ultima per il suo discorso dai tanti studiosi, archeologi e appassionati accorsi per l'evento, tra cui l'ex soprintendente Angelo Bottini e l'attore Giuseppe Cederna, figlio del grande ambientalista Antonio Cederna il cui archivio trova sede a Capo di Bove, e che già nel 1953 denunciava in un suo storico articolo "I Gangsters dell'Appia".

"Non sono nello spirito giusto, non sono contento: ho visto cose che mai si sarebbero dovute verificare in Italia - dichiara Galan - Immagini che testimoniano brutalmente tutta la negligenza, distrazione e disinteresse di generazioni di amministratori italiani". E non si dice ottimista, il ministro, "perché nel nostro paese è più presente lo spirito che ha deturpato l'Appia che non quello che anima questi appassionati archeologi". E' tempo di "attrezzarci a fare battaglia", incalza Galan. "Non è concepibile che un ente come quello dell'Appia Antica non abbia uno status giuridico e competenza di tipo archeologico. Bisogna assolutamente lavorare per trovare una soluzione condivisa con la Regione Lazio e il Comune di Roma".

Quanto agli straordinari monumenti privati, come il Mausoleo degli Equinozi del I secolo a. C., e il Sepolcro di Sant'Urbano d'età imperiale, le cui trattative per l'acquisizione si sono arenate per mancanza di risorse nelle casse della Soprintendenza archeologica, Galan avverte: "Ogni euro che abbiamo deve andare nella direzione di acquisire i beni culturali che i privati sono disposti a vendere. Noi dovremmo agevolarli dal punto di vista fiscale e burocratico. Chi dice che non ci sono i soldi per farlo, con poca lungimiranza, dice il vero se ci si limita a guardare lo status quo. Ma se ci sono buone idee e volontà, i soldi si trovano".

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg