loader
menu
© 2022 Eddyburg

“Un miraggio i mondi civili”
14 Marzo 2006
Lettere e Interventi
Lodo Meneghetti risponde all'urbanista marinaio

Bastino gli ultimi due capoversi della lettera. Non si è potuto ”fare veramente urbanistica senza lottare come Don Chisciotte”! Ma i mulini a vento non erano nemici immaginari, erano macchine umane dalle lunghe braccia, anzi tentacoli che se riuscivi a tagliarne uno gli altri ti strozzavano e quello si riproduceva. Quale la miglior pratica urbanistica? Quella svolta da un tipo che fu denominato, come il medico condotto dei tempi andati, urbanista condotto, pronto ad occuparsi dei mali del territorio e della città ossia delle popolazioni cercando di conoscerli, di lottare come i pazienti medici a piedi scalzi cinesi nella lunga guerra contro la schistosomiasi. Questa fu vinta, l’altra fu persa.

Sono “davvero un miraggio i mondi civili” dubitosamente sperati dal nostro marinaio-urbanista (Ma: “cultura dello sviluppo”, non è il caso). E “cittadini primi attori locali” interessati alle cose buone del e per il territorio e la città, dove sono? Semmai ne troviamo troppi all’incontrario (salvo eccezioni consolatorie).

Perché domandare se esiste Sangri-La da qualche parte quando sappiamo di aver perduto il paradiso per intero insieme all’onore del 97% di urbanisti, architetti, amministratori pubblici e privati, politici puri, imprenditori e, appunto, del 90% della ‘gente’?

Tuttavia i pochi vadano avanti. Cento volte detto: le buone battaglie vanno sempre combattute anche se si sa che se ne perderanno la maggior parte, forse tutte.

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg