loader
menu
© 2022 Eddyburg
Ava Zunino
Regione, terremoto urbanistico Bocciato il progetto Fuksas
17 Dicembre 2008
Articoli del 2008
Forse una piccola buona notizia: non ancora distrutto, a Savona, un altro pezzo di costa della Liguria. La Repubblica, Genova , 17 dicembre 2008

Il progetto di Fuksas per la Margonara di Savona, che sacrificherebbe al cemento la spiaggia con la Madonnetta, un tratto di mare intonso tra le case di Albissola e Savona, non va bene, perché non rispetta le prescrizioni a suo tempo dettate dalla commissione nazionale per la valutazione di impatto ambientale: la "bocciatura" arriva nel tardo pomeriggio di ieri, in un palazzo della Regione semideserto, dove i pochi presenti si guardano in faccia come a dire "non ci credo". Invece è vero: la commissione tecnica regionale per la valutazione di impatto ambientale ha respinto il progetto. Formalmente si dice che il progetto non ha "passato la verifica di ottemperanza" alle prescrizioni della Via nazionale. E´ ancora un parere tecnico, basato sul mancato rispetto di condizioni imposte dalla Via nazionale come ad esempio l´obbligo di lasciare "libero" e ben visibile lo scoglio della Madonnetta. E ai commissari del Via regionale non è bastata neppure la motivazione che la torre di Fuksas, alta e lunga, ottempera meglio del vecchio progetto al dettato di lasciare libero lo sguardo sul mare: anche la torre ostacola la vista. Adesso perché il parere tecnico diventi operativo dovrà essere ripreso con una delibera della giunta regionale. Poi, se vorranno, i proponenti del progetto che fanno capo al genovese Giovanni Gambardella e ad un socio francese, potranno fare ricorso al Tar. L´aria che tira in Regione è che il parere tecnico potrebbe togliere le castagne dal fuoco alla giunta che con questo progetto rischiava di rimanere impiccata all´albero della devastazione ambientale. Le polemiche erano state tante e migliaia di savonesi avevano firmato contro. Di certo esulta il verde Carlo Vasconi, che si batte contro il progetto dal 1999, quando venne presentata la versione originale del progetto, ritirata dopo le prescrizioni della Via nazionale e sostituita con quella di Fuksas. Vasconi è quasi commosso mentre dice: «È solo un parere tecnico ma è per noi una grandissima cosa: stiamo già preparando i manifesti». La decisione tecnica se davvero sarà assunta dalla giunta regionale, chiude il cerchio dopo i primi segnali di presa di distanza della Regione. Era solo il 29 novembre scorso, quando i direttori generali del territorio e dell´ambiente, Franco Lorenzani e Gabriella Minervini, avevano scritto ai comuni di Albissola e Savona richiamandoli al controllo delle procedure seguite. Il sindaco di Savona, Federico Berruti, aveva risposto che le questioni tecniche erano a posto e aveva ancora una volta difeso il progetto, in nome dello sviluppo. Adesso, a quanto pare, quel tratto di costa è salvo dal cemento ma non è escluso che politicamente la giunta del presidente Burlando non debba pagarne un prezzo nei rapporti interni. E´ chiaro che uno stop alla Margonara non piace ad esempio all´assessore all´Urbanistica e al Territorio, Carlo Ruggeri, che era sindaco a Savona quando Burlando lo ha chiamato nella sua giunta e che non ha mai nascosto il suo apprezzamento al progetto di Fuksas. Ma intanto il parere della Via ora andrà sul tavolo della giunta e si vedrà cosa succederà.

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg