loader
menu
© 2022 Eddyburg
Maria Pia Guermandi
Quousque tandem
28 Novembre 2010
Pagine di cronaca
L’ennesimo abuso sull’Appia è sintomo del nuovo pericoloso corso impresso dal Ministero alla tutela del paesaggio. Scritto per eddyburg, 16 novembre 2010

Dunque, la pazienza nei confronti degli attacchi al territorio e alla qualità urbana inferti dall’amministrazione capitolina è esercizio ormai quotidiano. Di ieri è la notizia (Bucci su la Repubblica, ed. Roma, 15/11/2010) dell’ennesimo tentativo di legalizzazione di un abuso edilizio sull’Appia. La regina viarum, manzonianamente protetta da prescrizioni rigidissime di assoluta inedificabilità è da sempre al centro di iniziative speculative di ogni tipo. Come avevamo ripetutamente sottolineato su eddyburg, il frutto avvelenato dei condoni edilizi passati rischia di travolgere, attraverso la perversa interazione di sovrapposizioni e inerzia amministrativa, le barriere del sistema della tutela, sempre più fragili perché sempre più isolate.

Nel caso denunciato, la gravità dell’episodio deriva infatti dal coinvolgimento attivo degli organismi di governo pubblico, Comune ed Ente Parco regionale, che, con assoluto sprezzo dei dovuti passaggi istituzionali (il coinvolgimento della Soprintendenza competente), dell’interesse pubblico e della logica, hanno non solo ammesso una sanatoria illegittima, ma ne hanno aggravato l’impatto concedendo il permesso di ulteriori operazioni edilizie

Effetto di evidente stato confusionale è poi il riferimento, nel lasciapassare dell’Ente Parco, alla necessità di mantenimento di materiali originali, riferito alle lamiere fatiscenti di un capannone industriale.

Purtroppo, questo ennesimo caso di deriva istituzionale degli enti locali è in perfetto allineamento con quello che è l’attuale conclamato indirizzo politico del Ministero Beni Culturali: in un recente documento ufficiale elaborato per le celebrazioni del decennale della Convenzione Europea sul paesaggio, con fantozziano spirito anticostituzionale si ricorda che: “prima di pervenire ad espressioni di pareri che siano in contrapposizione a tali proposte [interventi sul territorio di ogni tipo, n.d.r.], il Ministero qualora possibile, perviene a pareri la cui formulazione si configura come una elencazione di buone maniere (prescrizioni) da mettere in pratica per l’ottimizzazione dei progetti, la cui qualità è data dal porsi in dialogo con i luoghi prevedendo, caso per caso, mitigazioni, minimizzazioni, varianti tali da permettere il corretto inserimento delle opere previste.”

Insomma, dopo l’epoca della tutela è giunta l’epoca delle “buone maniere”.

Auguri all’Appia.

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg