loader
menu
© 2022 Eddyburg
Cristopher Leonard
Punti caldi di crescita demografica negli USA
13 Luglio 2005
Consumo di suolo
Esurbio, nuova frontiera di ideologia suburbana e spreco di risorse. Christian Science Monitor, 7 giugno 2005 (f.b.)

Titolo originale: Hot spots of US population growth – Traduzione per Eddyburg di Fabrizio Bottini

BENTONVILLE, ARKANSAS – Quando Shannon Monteith ha avuto la promozione l’anno scorso, ha impacchettato le sue cose, detto addio a San Francisco, e si è avviata verso l’avventura: Benton County, Arkansas.

La signorina Monteith non avrebbe saputo trovare l’Arkansas nord-occidentale su una mappa, prima di trasferirsi qui. Ma come venditrice per la fabbrica di dolciumi Hershey Foods Corp., aveva una certa familiarità col suo nuovo cliente di Bentonville: la Wal-Mart Stores Inc.

”È la più grossa compagnia del mondo: se sei nelle vendite, vuoi sempre avere per te il cliente più grosso” dice.

Benton County non era la retrovia che Monteith aveva temuto potesse essere. Alla fine ha comprato casa a Shadow Valley, un quartiere recintato [ gated community] brulicante di attività: dal tennis alle automobiline sui campi da golf, ai ragazzini che giocano nei prati appena piantati.

Solo pochi anni fa, Shadow Valley era solo prati e boschi vicino a Ozark. Ma dopo che migliaia di persone si sono spostate verso la Benton County, attirate dal boom economico alimentato da Wal-Mart, la regione è stata rapidamente ridisegnata, con un flusso in ingresso che la mette fra le 70 contee in crescita più rapida del paese, secondo i più recenti rapporti del Census Bureau. Circa 7.500 si sono spostate nella regione fra il luglio del 2003 e il luglio 2004, spingendo la popolazione a circa 180.000 unità.

La maggior parte della crescita notata dal Census si è determinata in contee circostanti alle grandi città, con più dell’80 per cento delle zone in rapido sviluppo negli stati del Sud e dell’Ovest. Le ragioni di questa crescita sono varie quanto vari sono i luoghi in cui è avvenuta. Alcuni sono luoghi di ritiro, altri sede di compagnie in espansione. Ma tutti sono in via di trasformazione a causa dei nuovi residenti, che sembrano arrivare ogni giorno.

Il trionfo dell’Esurbio

Naturalmente, la crescita di popolazione non è limitata alle boomtowns suburbane o alle città della Sunbelt o delle Montagne Rocciose. Riguarda anche luoghi più remoti, culminando in quello che il demografo Robert Lang chiama il “trionfo dell’esurbio”: nuove comunità così lontane dai centri urbani da essere quasi autonome.

I suburbi costruiti negli anni ’70 ora funzionano da “ancore”, dice, proiettando crescita demografica ancora più lontano dei nuclei urbani centrali. Ora la gente si sposta sempre più in là per realizzare il Sogno Americano: o almeno comprarsi il proprio pezzo di un nuovo esurbio americano.

”Il classico residente suburbano vuole ancora vivere sul terreno più ampio possibile, per la somma minore possibile” dice William Frey, demografo impegnato nel Metropolitan Policy Program della Brookings Institution. “Il fattore comune fra tutte queste contee è che i terreni più a buon mercato sono tutti nelle periferie”.

Entrare a patti con la crescita

Altro elemento comune, dice Frey, è la corsa costante di queste contee a costruire nuove strade, impianti di depurazione dell’acqua, scuole, a servire una popolazione in crescita. “La crescita è un’arma a doppio” dice. “Alcune di queste contee vogliono limitarla”.

Gli abitanti di Rockville, Utah, sono di questa opinione, e hanno optato per non costruire un impianto di potabilizzazione per paura di attirare nuova gente a trasferirsi qui, dice il sindaco Dan McGuire.

”I residenti qui hanno votato per restare in pochi, e possono godere della crescita di altre comunità” aggiunge. “Ci basta andarci per trarne vantaggio”. Hanno soprannominato la loro cittadina “L’ultimo tesoro dell’Utah”, esattamente perché hanno evitato il tipo di sviluppo che sta trasformando gran parte della contea.

Circa 5.000 persone si sono spostate qui fra il 2003 e il 2004, facendo impennare la popolazione sino a 110.000 unità. La gran parte di questo aumento si è verificato a St. George, capoluogo di contea, dove pensionati e altri sono attratti da ruscelli, montagne e campi da golf.

”È tutta questione di sole e bel tempo” dice il consigliere anziano Rob Orton. E lascia il consiglio municipale con la preoccupazione di come dare a questa popolazione sempre in crescita nuove strade e acqua pulita.

Per la Lincoln County, South Dakota, lo sviluppo ha significato non solo strade e acqua, ma lottizzazioni di lusso che spuntavano su quello che era stato pascolo. Circa 2.200 persone si sono trasferite nella Lincoln County fra il 2003 e il 2004, portando la popolazione a 31.400 abitanti, a contribuendo a farne la nona fra le contee in crescita più rapida del paese, secondo Frey della Brookings Institution. La marea di nuovi arrivati consiste in gran parte di pendolari che lavorano a Sioux Falls, una città che attira le imprese, in parte perché nel South Dakota non c’è tassa sul reddito.

Sono attratti dalla bellezza del paesaggio e dai ritmi lenti di vita, dice John Schutte, presidente della Canton Economic Development Corporation nella zona meridionale della contea. Ma tutto si ottiene a prezzi notevoli: le nuove case costano fra i 250.000 dollari e il milione, dice.

Il prezzi dei terreni nella Lincoln County sono quadruplicati in soli dieci anni, secondo Mr. Schutte, rendendo la vita più dura agli agricoltori, che erano un tempo la spina dorsale dell’economia locale.

Ombre sulle Shadow Valleys

Anche qui nella Benton County, il nuovo sviluppo sta sostituendo la tradizionale vita rurale.

Tina Bates vive appena fuori dal terrapieno che separa Shadow Valley dalle case di campagna che la circondano. Un tempo, conosceva i pezzi di terra attorno alla sua casa coi nomi delle famiglie che ci vivevano.

Ora i terreni sono lottizzati per cose che si chiamano Hearth Stone o Emerald Heights. Come molti dei suoi vicini, anche la signora Bates dice che venderà la casa e si sposterà lontano dal traffico e dal rumore.

”La maggior parte della gente che viveva qui non ci vive più. Immagino che non gli piaccia, stare in mezzo a una città”.

Nota: il testo originale al sito del Christian Science Monitor (f.b.)

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg