loader
menu
© 2022 Eddyburg
Alessandra Rubenni
Parchi, per le nomine tutto da rifare
26 Agosto 2007
Pagine di cronaca
Senza commento, ma col pensiero ad Antonio Cederna. Da l'Unità, ed. Roma, 29 novembre 2006 (m.p.g.)

La Margherita contro la decisione di mettere l'illustre professor La Regina a capo del parco dell'Appia Antica. Un bel pezzo di maggioranza per niente convinta dal nome di Marco Di Fonzo, caldeggiato dall'assessore all'Ambiente Filiberto Zaratti, per Veio. E ancora tanti mugugni e un accordo che non si trova. Tanto che le nomine dei presidenti degli enti parco sono di nuovo bloccate.

Pochi giorni fa il presidente della Regione aveva fissato l'ultima scadenza: entro fine novembre doveva arrivare la fumata bianca per le aree protette. Invece, dopo tanti rinvii, il nuovo dietrofront.

Zaratti avrebbe dovuto presentare ieri in giunta le terne di nomi tra cui Piero Marrazzo dovrà scegliere i nuovi presidenti. Rinviata a domani la riunione della giunta, le decisioni restano comunque in alto mare. Gli 11 parchi del Lazio, commissariati all'inizio dell'era Marrazzo, sono rimasti a bagnomaria da oltre 1 anno e la voce circolata con insistenza era che quelle poltrone dovevano essere utilizzate come contentino, per chi avesse perso il suo incarico istituzionale, se ci fosse stato un rimpasto in Regione. Ma anche dopo la richiesta di accelerare arrivata

da Piero Marrazzo non c'è stato niente da fare.

Il nodo da sciogliere resta quello dei parchi romani.

«Il nostro partito si è fatto interprete di chi vive e lavora nel Parco dell'Appia: per loro sarebbe una provocazione mandare lì Adriano La Regina, che quando era soprintendente avrebbe voluto l'acquisizione pubblica di tutto il parco, quindi anche delle loro case. Nessuno - spiega un esponente Dielle - contesta il valore di La Regina, basta nominarlo al parco di Veio, anziché all'Appia». E se c'è chi vede in questa posizione il riflesso della vecchia ruggine tra il "signor no" e Francesco Rutelli, sono ancora di più, nel centrosinistra, quelli che si oppongono alla scelta, per Veio, di Di Fonzo, a suo tempo nominato da Storace all'Appia Antica e ora, pare, gradito all'attuale parlamentare Angelo Bonelli. A Di Fonzo anche i Ds preferirebbero Fernando Petrivelli. E nelle polemiche fa capolino pure una resa dei conti fra i Verdi. «Purtroppo Zaratti - commenta Giuseppe Mariani, collega di partito dell'assessore -ha commesso un errore non condividendo le scelte con la maggioranza. È sbagliato il metodo».

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg