loader
menu
© 2022 Eddyburg
Carlo Loiodice
Palle lunghe e biciclette
3 Settembre 2014
Altre città
Bologna: nel traffico inquinante dei viali non moriranno solo gli ippocastani, ma soffocheranno anche gli umani. Ma ciò che conta, per gli amministratori d'oggi, è l'immagine. Postilla
Bologna: nel traffico inquinante dei viali non moriranno solo gli ippocastani, ma soffocheranno anche gli umani. Ma ciò che conta, per gli amministratori d'oggi, è l'immagine. Postilla

Come cittadino, mi sento sempre più disadattato. La comunicazione politica mi irrita a causa del suo tenore mistificato e farlocco e nessuno si ribella. Guardate questa. «Bologna. Il 13 settembre si inaugura la Tangenziale della bicicletta .

Per i pochi che non lo sanno, Bologna anticamente aveva delle mura che furono abbattute verso la fine del XIX secolo. Al loro posto sorge oggi una sorta di lungo marciapiede che rinchiude la città in un anello che s’interrompe all’altezza delle antiche e ancora visibili (non proprio tutte) dodici porte, attraversate dalle vie radiali che conducono all’esterno verso Rimini, Ravenna, Modena, ecc. All’interno e all’esterno di questo marciapiede corrono le due carreggiate, ciascuna a doppia corsia, dei cosiddetti viali di circonvallazione.

Sorta di autostrada ancora cinquant’anni fa; oggi collo di bottiglia, specialmente in certe ore e all’altezza di certe porte. Sotto il marciapiede vivono, vivacchiano, sopravvivono o addirittura muoiono le radici di alti ippocastani che spuntano dalle aiuole e svettano verso un cielo raramente limpido. Farebbero un bel vedere in generale e anche ombra durante l’estate se non fossero ridotti alle condizioni di malati al Lazzaretto. Quando erano più in salute, lungo questo marciapiede capitava di passeggiare e di fermarsi a bere qualcosa o mangiare angurie e gelati presso uno dei tanti chioschi aperti nella bella stagione. Vi ricorda qualcosa il nome di Oliviero? Uno di quei chioschi ebbe un momento di notorietà nazionale quando negli anni ’80 Michele Serra dirigeva Cuore. Nella rubrica "Botteghe oscure", dedicata ad esercizi commerciali stravaganti anche solo nel nome, fu segnalata la Cocomerhouse, dove talvolta anche chi scrive, in una torrida e afosa notte felsinea, andò a rinfrescarsi materia e spirito.

Già molto ma molto tempo prima che l’aggettivo «verde» si applicasse alle teorie e alle pratiche ecologiche, quei viali erano percorsi da filobus elettrici frequenti, silenziosi e confortevoli; gioia per noi che non avevamo tante macchine e per gli ippocastani che si avvelenavano molto meno di oggi, ricambiando la loro gratitudine sul piano estetico.

Quel che successe in città dopo gli anni ’70 sul piano politico, amministrativo e sociale voglio soltanto accennarlo. Sarà stata la fine dell’«Età dell’oro del capitalismo», come la chiama J.Hobsbawm, sarà stato il ’77, saranno state la massoneria, le banche, le coop e la curia, sta di fatto che Bologna, da allegra e attraente che era, si è sempre più avvicinata alla definizione che ne diede anni fa il suo vescovo, quella di città «sazia e disperata». Dal sindaco Zangheri al sindaco Vitali l’aderenza delle amministrazioni ai movimenti sociali innovativi, nonché la loro credibilità politica, hanno raggiunto un livello disperante di credibilità. E se ciò che era stato promesso e impostato negli anni ’70 – Cervellati sull’urbanistica, Loperfido, Rebecchi e Ancona sul piano sociosanitario, ecc – non fu poi realizzato se non in parte, ciò fu dovuto alla sconfitta più generale della strategia delle riforme in Italia. Al contrario, quel che avvenne a partire dagli anni ’80 furono annunci roboanti, sul proscenio della politica parlata, e trattative e accordi dietro le quinte fra i poteri forti. Proviamo ad evocare.
1. Referendum nel 1984 sulla pedonalizzazione del centro storico. Favorevoli: 70%; applicazione: non pervenuta.
2. Annuncio della costruzione della metropolitana nel 1987. Oggi si fa ancora fatica a mandare avanti il progetto di sistema ferroviario metropolitano, con tutti i binari che corrono sul territorio comunale.
3. Alla fine del 1987 il rettore di Unibo Fabio Roversi Monaco annuncia la celebrazione del nono centenario dell’ateneo che si articolerà durante tutto l’anno successivo. Fu l’occasione che sancì la fine del centro storico come quartiere residenziale e il suo avvio a divenire «cittadella» degli studi, del divertimento, ecc. E oggi persino gli uffici comunali sono stati spostati in sede periferica.

E i nostri viali di circonvallazione? Qualcuno mi dovrebbe spiegare come mai, dinanzi alla previsione dell’ovvio, ossia l’aumento esponenziale del traffico automobilistico, mai seriamente contrastato da una politica incentivatrice del mezzo pubblico, nessuno abbia mai fatto nulla, salvo tagliare ogni tanto qualche albero ammalato. Non so cosa abbiano fatto gli studiosi, ma certo i politici non se ne sono dati pena. Nella nuova situazione di intasamento e inquinamento, chi ha potuto (chioschi e prostitute) si è spostato altrove; chi non ha potuto (gli alberi) attende sconsolatamente la sua fine.

La così proclamata «Tangenziale della bicicletta» corre proprio sul letto di morte di questi alberi. Il che è triste di per sé. Ma ancor più triste è rendersi conto della follia che deve aver colto qualche nostro amministratore. Al quale vorrei ricordare quanto avveniva nelle vecchie miniere di carbone. Si teneva un animale, cane o uccellino in gabbia. E quando lo si vedeva stramazzare, questo era il segno che ci si doveva rapidamente togliere da lì. Mancava l’ossigeno. Ora, non ci dice niente la sofferenza degli ippocastani? E che altro dovrebbe dirci se non il fatto che lungo i nostri viali di circonvallazione manca l’ossigeno? Ebbene, proprio lungo un percorso caratterizzato da deficit di ossigeno e dalla sovrabbondanza di gas derivati dalla combustione dei motori, lungo un percorso così si chiede a degli esseri umani di produrre lo sforzo supplementare del pedalare respirando quell’aria.

Magari fra dieci anni, a fronte di un aumento delle affezioni polmonari, benigne e persino maligne, qualcuno produrrà risultati statistici e qualcun altro farà la scena di tirarsi una secchiata d’acqua facendo finta di essere molto sensibile ai temi della ricerca. A questo qualcun altro la secchiata dovremmo tirarla noi e subito. Ma non di acqua...
P.S. – Mi dite perché chiamare tangenziale una cosa che tangenziale non è? Non sarà per via delle tangenti? Ma no, cosa vai a pensare!


postilla
Lo sviluppo delle nostre città è stato, come sappiamo, mostruoso. Invece della razionalità ha dominato l’anarchia dello spontaneismo, invece dell’obiettivo del maggior benessere degli abitanti quello della massimizzazione del patrimonio dei proprietari immobiliari. Oggi patiamo le conseguenze di errori commessi nel corso di decenni. Un effetto devastante ha avuto la scelta politica di favorire, in Italia, la motorizzazione individuale. Il traffico automobilistico ha soffocato le città, e l’assenza di una corretta pianificazione del territorio ha peggiorato le cose. Le stagioni felici vi sono state, i tentativi di affrontare i problemi nel verso giusto anche. Vogliamo ricordare, a Bologna, il salvataggio delle colline, le battaglie per la pedonalizzazione e per la riqualificazione del centro storico, gli autobus a zero lire per i cittadini, quello per la pianificazione del territorio provinciale? Poi la stagione della speranza e dei tentativi che coglievano il punto è tramontata. Si affrontano i problemi un pezzettino alla volta, più attenti all’efficacia propagandistica dell’azione (o della promessa) che della sua efficacia. Perciò nascono i paradossi che Carlo Loiodice denuncia. Ricordo che a Strasburgo, in Francia, quando gli amministratori decisero di istituire una modernissima linea di tram urbano nel centro cittadino, i tecnici comunali si impuntarono e pretesero che, nell’occasione, si riprogettasse completamente l’intero assetto fisico della sede stradale, da parete edificata a parete edificata (da mur à mur) portando tutta l’area pedonale al livello dei predellini del tram, pedonalizzando dovunque possibile e riducendo al minimo l’accesso alle automobili. Sarebbe stato bello se si fosse operato così anche a Bologna, riprogettando l’insieme della sede dei viali assicurando la priorità nel progetto alla salvaguardia della salute e del verde, alla mobilità dei pedoni e dei ciclisti e all’utilizzazione di impianti meccanizzati per il trasporto collettivo in alternativa all’automobile individuale.

Ma i politici (gli eletti) avrebbero dovuto avere due requisiti, che oggi sono del tutto assenti: la capacità di una visione di lungo periodo, centrata sull’obiettivo del benessere degli abitanti, a partire dai più deboli, e quella di scegliere gli strumenti adatti. Due di questi, particolarmente utili, sono oggi addirittura in via di liquidazione: una buona “burocrazia “, cioè un apparato tecnico-amministrativo motivato, capace, autorevole, e il ricorso sistematico al metodo della pianificazione, cioè dell’unico metodo di rispondere in modo efficace e trasparente a un insieme di problemi le cui soluzioni sono interconnesse.

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg