loader
menu
© 2022 Eddyburg
Ivan Ble?i?
Menschendämmerung
28 Gennaio 2013
Scritti ricevuti
L'Olocausto è diverso. «Ricordare non basterà, la memoria non ci assolve – nulla può». Scritto per

Eddyburg in occasione del giorno della memoria, e inviato il 28 gennaio 2013

Il numero delle vittime, la volontà di eliminare un intero popolo e interi popoli, la potenza di contagio di ideologie genocide, la coscienza su sin dove può arrivare la mente umana, farebbero dell'Olocausto una delle più grandi tragedie della storia.

Ma ciò che lo rende diverso, una singolarità, un punto assoluto della storia, è la sua modernità.

Ci sono stati – prima e poi – ideologie genocide, follie collettive e immensi stermini, ma mai un tale disegno è stato perseguito con tali strumenti della modernità: pianificazione funzionale, ordinati apparati burocratici dello Stato approntati secondo criteri dell'efficienza, razionalità procedurale, le scienze sociali moderne e la potenza della tecnica al servizio dell'industrializzazione dei processi di sterminio – la soluzione finale come una vasta ingegneria di problem-solving.

Non sono l'irrazionalità, i profondi istinti sempre in agguato e le tenebre della follia umana, ciò che rende l'Olocausto l'abisso dell'umanità, ma al contrario, l'universale della modernità europea che lo ha reso possibile: razionalità, tecnica, organizzazione funzionale dello Stato, efficienza ingegneristica, che hanno viepiù reso possibile che diventi "banale".

Non già la bestialità, ma al contrario tale sua "superumanità" fanno di esso la secolare caduta dell'uomo, Menschendämmerung.

Una singolarità storica su cui incardinare nuovi calendari, per segnare un avanti e un dopo.

Ricordare non basterà, la memoria non ci assolve – nulla può.

ARTICOLI CORRELATI
1 Novembre 2018

© 2022 Eddyburg