loader
menu
© 2022 Eddyburg
root
Lettera a Ciampi giugno 2003
13 Aprile 2004
I tempi del cavalier B.

Roma, 10 giugno 2003

ILL.MO PRESIDENTE della

REPUBBLICA ITALIANA

CARLO AZEGLIO CIAMPI

Illustre Presidente,

la salvaguardia dell’ambiente e la tutela della sua integrità rappresentano un valore fondamentale e primario per tutta la comunità nazionale.

Ed è un valore che non può non trascendere l’alternanza delle diverse coalizioni e delle diverse formazioni politiche nella responsabilità del Governo del Paese.

Del resto in questo campo così delicato le direttive comunitarie costituiscono un riferimento invalicabile e sicuro.

Nel nostro Paese, invece, con la delega sulla normativa ambientale richiesta dal Governo, il bene ambiente è sottoposto ad un grave e preoccupante indebolimento.

Suscitano forte inquietudine l’ampiezza che non ha precedenti della delega e le modalità previste per il suo esercizio, con la completa espropriazione del ruolo del Parlamento e della sua funzione legislativa.

Infatti spetterà ad una Commissione di esperti, scelti dal Ministro per l’Ambiente ed alle sue dipendenze, l’intera elaborazione di decreti attuativi della delega, con il conseguente esautoramento delle Assemblee legislative.

In questo contesto già così difficile, con specifica circolare del Capo di Gabinetto del Ministro dell’Ambiente, tutto il personale del Ministero, dell’Agenzia per la protezione ambientale, dell’ICRAM e di tutti gli organismi collegati è stato invitato a non svolgere alcuna attività sugli argomenti – pressoché tutti - oggetto della delega legislativa.

Si realizzerebbe, così, una singolare e per tanti versi incredibile “sospensione” della vigente normativa in campo ambientale, con accentramento inammissibile di ogni questione in capo all’ufficio del Ministro.

Questa vicenda non ha ovviamente alcun riscontro negli altri Stati dell’Unione Europea.

La incertezza legislativa, che così si determina sul versante ambientale, è ancora più grave in vista del semestre europeo affidato alla presidenza italiana, che vedrà il nostro Paese in una condizione assolutamente anomala e gravida di pericolose incognite rispetto ad un valore così rilevante, come la tutela dell’ambiente.

Riteniamo pertanto, nella veste di componenti della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati, di affidare alla sua autorevole attenzione la delicatezza estrema di questa situazione che riveste il bene ambientale, ormai caratterizzato e vitale per tutta la nostra democrazia.


DS On. Bandoli
DS On. Vigni
DS On. Abbondanzieri
DS On. Sandri
DS On. Chianale
DS On. Vianello
DS On. Mariani
DS On. Dameri
DS On. Piglionica
DS On. Zunino
Margherita On. Realacci
Margherita On. Iannuzzi
Margherita On. Merlo
Margherita On. Reduzzi
Margherita On. Villari
Margherita On. Fusillo
PCDI On. Nesi
Verdi On. Lion
Rif. Com. On. Vendola
SDI On. Pappaterra
ARTICOLI CORRELATI
18 Ottobre 2011

© 2022 Eddyburg