loader
menu
© 2022 Eddyburg
Luca Beltrami Gadola
La Centrale è l’icona dell’ospitalità negata
30 Settembre 2008
Milano
Una inquietante rassegna di esempi di privatizzazione mica tanto strisciante dello spazio pubblico, da la Repubblica ed. Milano, 30 settembre 2008 (f.b.)

Se è vero che la nostra cultura affonda le radici in Grecia, dove la sacralità dell’ospite era ossequio agli dei, o se, come molti sostengono a gran voce, le radici cristiane sono le nostre ? «Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato» (Marco 10,40) ? allora abbiamo fatto una svolta selvaggia verso il puro mercantilismo. Oggi la stazione Centrale dopo la ristrutturazione sarà l’icona dell’ospitalità negata e dell’accoglienza trasformata in affare commerciale.

Solo una parte di chi viaggia lo fa per puro diletto: la maggioranza lo fa per necessità di lavoro, spesso disagiata. Costringere tutti, e questi ultimi in primo luogo, ad allungare il percorso di accesso ai treni per costringerli a passare davanti alle vetrine dei negozi, allungando così il tempo del viaggio, ha qualcosa d’incivile. I passeggeri non hanno a disposizione due percorsi, uno rapido e l’altro commerciale, ma uno solo, come se fossero in una stazione di servizio sull’autostrada (i padroni sono gli stessi): uscire passando tortuosamente tra gadget e provole locali. Se vogliamo avvicinarci a tempi più vicini, ecco l’Accademia della Crusca: «Ospitalità ? Liberalità nel ricevere i forestieri». Di liberalità nella società Grandi Stazioni non c’è traccia, persino la toilette si paga a Milano: 80 centesimi, e il tornello a moneta non dà nemmeno il resto.

Ovviamente la strategia è la stessa anche per Centostazioni, la società che provvede alla ristrutturazione delle stazioni minori. Mesi fa a Brescia, lavori terminati nel 2006, ho chiesto a un ferroviere di indicarmi la sala di attesa: «Non c’è, è stata chiusa perché insicura». Risposta lapidaria ma meno realista di quella di un agente di pubblica sicurezza: «Non c’è più, adesso per far soldi ci sono solo esercizi commerciali». Aveva ragione. Lo conferma Centostazioni Spa: «... il progetto originale ha consentito di incrementare la superficie destinata ai servizi per gli utenti...» Tra questi: bar-ristorazione, tabaccaio, agenzia viaggi, barbiere, make-up accessori, due edicole, forno, cioccolateria/sweet corner, cartolibreria, bancomat (Bnl), agenzia di assicurazione (Hdi), negozio di telefonia Tim e ottico. Costosa, dunque, l’attesa. A Padova, dove è in corso la ristrutturazione, la nuova toilette costa 60 centesimi. Il risultato: il grande parcheggio di bici annesso alla stazione, quello dei pendolari, ha ora un puzzo di urina degno del peggior sottopasso urbano. Nel nostro Paese, prospero e felice, per qualcuno ? molti ? 60 o 80 centesimi sono qualcosa. Con questo spirito e con questa generosa mentalità ci avviamo ad accogliere gli "ospiti" per l’Expo 2015. A noi ospitanti, sempre e solo il ruolo di pecore da tosare.

Nota: a parere del sottoscritto va nella medesima direzione anche la valorizzazione degli spazi ferroviaridi Venezia Santa Lucia, nel cui ambito si inquadra il nuovo ponte di Calatrava sul Canal Grande (f.b.)

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg