loader
menu
© 2022 Eddyburg
Giuseppe D?Avanzo
Il trucco del Cavaliere: fuga continua dal processo
13 Aprile 2004
I tempi del cavalier B.
Ogni giorno, ogni volta che si legge il giornale o si ascolta la radio, c’è da vergognarsi. Non corriamo il rischio, noi italiani, di abituarci? Penso soprattutto ai giovani, quelli che hanno attraversato meno stagioni che li aiutassero ad avere quei fari nella notte che sono i princìpi. Oggi la ragione della vergogna è l’apparizione del signor B. al Tribunale di Milano. Leggete l’articolo di Giuseppe D’Avanzo, su Repubblica del 19 aprile 2003. Il sottotitolo è: “Processo Imi-Sir, la breve apparizione di ieri in aula rivelala strategia del premier per far slittare le future udienze”.

Trucco da fiera con sorpresa finale, a ben vedere, l'arrivo in pompa magna di Silvio Berlusconi al Palazzo di Giustizia di Milano. Un evento. Mai il presidente del Consiglio ha preso la parola in un suo processo. "Andrà a Milano e farà delle dichiarazioni spontanee al processo Sme" annuncia un sussurro giovedì pomeriggio. A sera, il sussurro prende corpo e trova conferma nella disperazione (apparente) dei suoi. Paolo Bonaiuti (portaparola) confessa: "Tutti gli stiamo sconsigliando di venire, ma non vuole sentire ragioni...". Gli avvocati del "giro stretto" simulano quiete. Minimizzano, banalizzano, scolorano. "Che volete che dica: dirà quel che ha sempre detto: che è un perseguitato! Viene al banco per rifinire un'operazione mediatica. Dieci minuti in aula. Trenta fuori con i giornalisti. Il processo non ne avrà alcun frutto".

L'attesa ingrassa le congetture e le domande. Perché proprio ora? Perché soltanto ora Berlusconi si decide ad affrontare l'aula legittimando quella magistratura che egli sempre accusa di essere politicamente orientata alla sua distruzione? Alla vigilia si raccolgono, grosso modo, due risposte.

La prima la propongono gli addetti alla vita politica: lo deve a Previti. Meglio, è Previti, con quel suo maligno fare ribaldo, che glielo impone. Il fedele Cesare sta precipitando verso una sentenza che teme e Berlusconi, dopo aver sperimentato tutte le strade tecnico-politiche per soffocare quel processo (Imi/Sir-Lodo Mondadori), non può più tirare la corda con i suoi alleati (soprattutto con An). Può soltanto spendere se stesso, la sua faccia, le sue parole.

Ecco perché sarà a Milano. Per essere fedele a un'amicizia, a un legame che (se tradito) può diventare minaccioso. Che Previti affronti poi il suo destino e la sentenza: "In fondo si tratta soltanto del primo grado, in seguito si vedrà..." .

Gli addetti alla macchina giudiziaria raccontano invece un'altra storia. Berlusconi viene per difendere se stesso e soltanto se stesso. Ora che si approssima la fine del processo Sme, il presidente del Consiglio teme di esserne travolto e decide di fare le sue mosse per coprirsi le spalle.

Altro che amicizia! Altro che Cesare! Gli avvocati di Previti sembrano scossi da un (apparente) brivido di preoccupazione. "Speriamo che si limiti a denunciare quella magistratura che soffoca i diritti della difesa - dice Alessandro Sammarco - Sa, il presidente Berlusconi a volte si lascia prendere la mano. Dio non voglia che affronti il merito delle questioni. Perché, se affronti il merito, legittimi quella magistratura che noi da anni vogliamo delegittimare..." .

Sono le 9,50 del mattino e la giornata comincia a correre molto rapidamente. Berlusconi entra in aula. Prende posto tra i suoi avvocati. Sorride, sorride, sorride, e tuttavia appare a disagio. Chi se ne può meravigliare? Come un imputato qualsiasi, sbircia nervoso gli appunti che ha preparato. Ad allungare il collo sulle sue spalle, si vede un scaletta di argomenti annotati, su tre pagine, in stampatello con una grafia larga e sottile. Al primo punto, "Le testimonianze negate dei giudici".


- Pubblicità -

Ora sono le dieci, entra il tribunale (mai così puntuale). Appello delle parti... Imputati presenti... Avvocati presenti... Il consueto rito... Attenzione, c'è qualcosa che non va. L'avvocato dell'"imputato Pacifico Attilio" non è in aula. E' da qualche parte nei dintorni, ma non in aula. L'avvocato dell'"imputato Misiani Francesco" non c'è, e non verrà. Dunque, bisogna attendere l'arrivo del difensore di Pacifico. Pochi minuti. E dieci, venti minuti per nominare un difensore d'ufficio per Misiani e permettergli di raggiungere l'aula.

Subito salta su Gaetano Pecorella, avvocato del presidente del Consiglio e presidente della commissione Giustizia alla Camera per conto del partito del presidente del Consiglio. Eh no, spiega, il capo del governo ha soltanto pochi minuti. Al più, può attendere "due minuti" perché deve raggiungere Roma e presiedere il Consiglio dei ministri.

In due minuti, in un tribunale, non si declinano nemmeno le generalità, lo sanno tutti. Lo sa anche Pecorella che, soddisfatto, conclude che "presidente Berlusconi farà allora le sue dichiarazioni spontanee in un'altra occasione, quando i suoi impegni glielo permetteranno" . L'assenza dei difensori in avvio di udienza era programmata? Quell'improvviso vuoto era stato definito a tavolino come l'impaziente fretta dell'imputato venuto fin qui per dichiarare spontaneamente le sue ragioni e disposto soltanto ad attendere "due minuti"? Forse sì, forse no (se si pensa a quella scaletta di argomenti stropicciata con nervosismo da Berlusconi). E comunque ogni risposta è buona, in assenza di fatti.

Le parole di Pecorella comunque suonano per il presidente del Consiglio come la campanella di fine lezione. Guadagna in fretta il corridoio. E' inseguito dalle telecamere, dai microfoni, da guardie del corpo con gomiti energici e puntuti. Berlusconi si ferma come una statua nel punto che ritiene più adatto per sé (inadatto per chi lo deve ascoltare). Vuole dire qualcosa. Quasi si scusa. "Avevo solo un quarto d'ora... Alle 10 ho il Consiglio dei ministri, successivamente un impegno col primo ministro del Giappone. Alle 12.30 ho la firma dell'accordo con il presidente della Regione Toscana per le infrastrutture sul territorio e alle 13.30 un importante incontro con il primo ministro della Federazione Russa. E questo solo per la mattina...".

Accenna poi alle ragioni della sua sortita. "Sapete, a tutti processi che mi sono stati scatenati contro, dopo la mia entrata in politica, io non ho mai partecipato, a parte una volta, su richiesta dei miei difensori. Per il resto mi sono sempre disinteressato...". Questo processo, ripete, gli appare "assolutamente inverosimile e ritengo che dovrebbe essere riconosciuto al cittadino Berlusconi il merito per avere evitato una spoliazione del patrimonio dello Stato".

Il premier era convinto che l'affare si sarebbe chiuso in fretta e bene. "Invece, gli avvocati mi hanno chiesto un incontro e mi hanno illustrato una serie di situazioni processuali francamente paradossali. Allora, dato che si tratta di una vicenda anche importante per la storia del nostro Paese, ho ritenuto che, facendo una eccezione, io dovessi venire qui, non solo per esercitare in pieno il mio diritto a difendermi, ma anche per far conoscere questa vicenda alla generalità dei cittadini".

"Credo quindi - conclude - che si possa ottenere da parte del tribunale che le udienze siano fissate in modo tale da consentirmi di essere presente per chiarire delle situazioni, pur con gli impegni importanti che ho come presidente del Consiglio e soprattutto, oggi, come componente della troika europea e, fra due mesi, come presidente dell'Unione Europea. Ritornerò alla prossima udienza".

Ce n'è anche per l'amico Previti, come è ovvio. Due parole gettate lì, dopo tanta insistenza. "E' indubbio che Previti sia oggetto di una persecuzione. Ciò è confermato anche dal voto della Camera dei Deputati che, quando ci fu la richiesta di arresto, sottolineò l'esistenza del fumus persecutionis" .

Ora Berlusconi va via. Lascia tutti di princisbecco. Tutto qui, l'evento? Quattro parole in croce in un corridoio e la promessa di tornare, se può, quando può? C'è un trucco? E, se c'è, dov'è? Il trucco - o, per dirla in altro modo, la sapientissima e scandalosa mossa per rendere definitiva la fuga dal giudizio - è lì sotto gli occhi di tutti.

Non c'è chi non lo veda. Finora l'imputato Silvio Berlusconi, "validamente citato" , non è mai comparso. Dichiarato "contumace", è stato "rappresentato" soltanto dai suoi difensori. Ma, contumace, l'imputato non può far valere i "legittimi impedimenti" o le assenze "causate da forza maggiore" . Ecco allora la mossa di Berlusconi. La sua presenza in aula a Milano e l'annuncio di voler fare delle dichiarazioni spontanee cancellano la contumacia, lo reintegrano nel suo diritto di essere sempre presente, di vedere rinviate le udienze a cui non può partecipare.

E a quali udienze potrà partecipare un premier già tanto soffocato da un "lavura' de la madona", oggi nella troika europea e tra settanta e passa giorni addirittura, e per sei mesi, presidente di turno dell'Unione europea? La maggioranza degli addetti crede che difficilmente Berlusconi lo si rivedrà tra queste mure inospitali e abbozza uno scenario alquanto ragionevole. Questo. Anche se dovesse davvero ripresentarsi il 2 maggio, per lunghi mesi, diciamo per i sei mesi della presidenza europea, Berlusconi chiederà che gli sia concesso il "legittimo impedimento".

Come non concederglielo? Per comprendere che cosa accadrà al processo, bisogna allora far di conto. I fatti dell'affare Sme risalgono al 1986. L'ultimo presunto pagamento corruttivo ai giudici è del 1991. Da questa data si deve contare la prescrizione del reato che, per la corruzione in atti giudiziari, è di quindici anni. 1991 più 15 uguale 2006.

Entro il 2006, il processo non arriverà mai alla sua conclusione definitiva (primo e secondo grado più Cassazione) se si considera che, bloccato per sei mesi, il primo giudizio arriverà nel 2004. Ma c'è di più. In caso di concessione delle "attenuanti generiche", i tempi della prescrizione diminuiscono di un terzo, di cinque anni. Come non concederle a un incensurato, e per di più capo di governo, come Berlusconi?

E allora l'efficacissimo trucco da fiera andato in scena ieri sotto il naso di tutti - la fine della contumacia di Berlusconi - libera l'eccellentissimo imputato dalla rogna milanese. Per sempre. Per lui, il processo è morto, è una cosa morta. Se la procura vorrà salvare il dibattimento contro gli altri imputati non potrà che chiedere lo stralcio della posizione dell' "imputato Berlusconi Silvio". La fuga dal giudizio del premier sarà allora coronata da un successo costruito con una mossa a sorpresa in un venerdì santo con un'Italia distratta dal lungo ponte pasquale.

(19 aprile 2003)

ARTICOLI CORRELATI
18 Ottobre 2011

© 2022 Eddyburg