loader
menu
© 2022 Eddyburg

Il regime di Oz
14 Aprile 2004
I tempi del cavalier B.
È aperta da tempo la discussione sul regime. È giusto e corretto, ed è politicamente utile, parlare – a proposito dell’attuale assetto del sistema di potere in Italia - parlare di “regime”?

C’è chi, come D’Alema, sostiene di no; e forse ha ragione, se si considera il grande potenziale di democrazia che c’è nelle piazze (avete notate come il luogo topico della democrazia, la piazza, sia diventata nel linguaggio della destra un termine peggiorativo?) e nelle istituzioni. C’è chi, come i molti partecipanti ai “girotondi”, pensa di si; e forse hanno ragione anche loro, se si riflette sul breve testo che mi è pervenuto da un frequentatore del mio sito, che riporto qui di seguito. È un testo che comunque è utile per aver presente quale sia l’orizzonte verso il quale il “sistema Italia” è avviato. Forse il regime non c’è oggi, ma certo la direzione di marcia; e il nostro futuro, se non lavoriamo perché alle prossime elezioni il potere cambi di segno.

RIFLESSIONI DI UN ABITANTE DEL PAESE DI OZ (O DI AZZ? MAH NON RICORDO)

Salve, mi chiamo A. vivo a Milano 2, in un palazzo costruito dal Presidente del Consiglio.

Lavoro a Milano, in un'azienda di cui è azionista principale il Presidente del Consiglio.

Anche l'assicurazione dell'auto con cui mi reco al lavoro è del Presidente del Consiglio.

Mi fermo tutte le mattine a comprare il giornale, un giornale di cui è proprietario il Presidente del Consiglio.

Al pomeriggio, esco dal lavoro e vado a far spesa in un supermercato del Presidente del Consiglio, dove compro prodotti realizzati da aziende del Presidente del Consiglio.

Alla sera, quasi sempre guardo le TV del Presidente del Consiglio, dove i film (spesso prodotti dal Presidente del Consiglio) sono continuamente interrotti da spot realizzati dall'agenzia pubblicitaria del Presidente del Consiglio.

Allora mi stufo e vado a navigare un po' in internet con il provider del Presidente del Consiglio.

Soprattutto, guardo i risultati delle partite, perché faccio il tifo per la squadra del Presidente del Consiglio.

Una volta a settimana, più o meno, vado al cinema, nella catena del Presidente del Consiglio, anche lì vedo un film prodotto dal Presidente del Consiglio, e gli spot iniziali sono realizzati dall'agenzia del Presidente del Consiglio. La domenica rimango a casa, leggendo un libro, la cui casa editrice è di proprietà del Presidente del Consiglio.

Naturalmente, giustamente, come in tutti i paesi democratici anche in Italia è il Presidente del Consiglio che fa le leggi, che vengono approvate da un parlamento dove la maggioranza è saldamente in mano al Presidente del Consiglio.

Che ovviamente governa nel mio esclusivo interesse.

ARTICOLI CORRELATI
18 Ottobre 2011

© 2022 Eddyburg