loader
menu
© 2022 Eddyburg
(red.)
Hong Kong è tutta un cantiere, aspettando Topolino
22 Maggio 2006
Articoli del 2005
La nuova Disneyland asiatica sarà basata sulla mobilità pubblica. Da All Headline News, 23 maggio 2005 (f.b.)

Titolo originale: Hong Kong Under Construction as Mickey Moves in – Traduzione per Eddyburg di Fabrizio Bottini

Hong Kong si sta rifacendo, preparandosi all’apertura di Disneyland a settembre.

La città sta tentando di portare a termine migliaia di nuove stanze d’albergo, una speciale linea di metropolitana (la prima del mondo destinata esclusivamente a un parco a tema) e i funzionari anticipano un totale rifacimento dell’immagine della città per gli investimenti.

”Disney è un’immagine così positiva che l’abbiamo adottata” dice Selina Chow, presidente dell’Ufficio Turismo di Hong Kong. “Fa capire alla gente che questa non è una comune città cinese. È un luogo su cui un marchio americano come Disney vuole investire”.

Hong Kong sarà la quinta struttura di Disneyland, aggiungendosi a Tokyo, Parigi e ai complessi USA di Anaheim, California, e Orlando, Florida. Il parco, di 150 ettari, è in corso di costruzione su aree bonificate nell’isola di Lantau, nella baia di Hong Kong.

Il parco, che dovrebbe aprire il 12 settembre, è una joint venture fra la Disney e il governo di Hong Kong, ma sono i contribuenti locali a sostenere la maggior parte del costo di 3,5 miliardi di dollari.

Il parco fa parte del piano del governo, di trasformare il territorio in una destinazione per vacanze in Asia per le famiglie.

Secondo gli esperti di turismo, si prevedono circa 5,6 milioni di visitatori al parco tematico nel primo anno. La città sta lanciando una campagna promozionale multimilionaria per sfruttare queste nuove visite.

Uno dei settori già pronti per Disney è quello alberghiero. James Lu, direttore esecutivo della Hong Kong Hotels Association, afferma che la città si sta attrezzando per Disneyland con l’aggiunta di 8.000 stanze, entro la fine dell’anno.

Lu sostiene che ci saranno 14.000 stanze in più alla fine del 2005, ma è preoccupato per una possibile sopravvalutazione delle presenze turistiche.

”Non sappiamo quanti visitatori verranno dalla Cina. Non sappiamo se arriveranno in pullman organizzati, andandosene lo stesso giorno. Non ci sono precedenti a cui fare riferimento”.

In generale, comunque, Lu confida che il nuovo parco tematico e la campagna turistica significhino grandi affari per gli alberghi.

”Non c’è un singolo hotel che non preveda una crescita” dice.

Ma i parchi a tema già presenti vedono le mosse di Topolino come una minaccia.

Ocean Park, la struttura tematica più di successo della città da oltre 30 anni, si sta riorganizzando, vedendo una completa ristrutturazione come l’unica via per sostenere la concorrenza.

”Ocean Park deve sopravvivere“ dice Allan Zeman, uno dei più importanti imprenditori di Hong Kong, che sta sovrintendendo la ristrutturazione del parco. “E l’unico modo di sopravvivere è quello di diventare di livello mondiale”.

Il rinnovo comprende progetti per nuovi impianti di montagne russe, un Palazzo del Ghiaccio, e un acquario da 72.000 metri cubi con ristorante subacqueo. Ocean Park seguirà anche il modello Disneyland, di realizzare alberghi all’interno.

Il direttore esecutivo di Ocean Park, Tom Mehrmann, afferma di non voler concorrere frontalmente con la Disney, ma di pensare che i due parchi possano essere complementari l’uno all’altro: Ocean Park enfatizzerà la natura e la fauna, mentre Disney si concentra su film e cartoni animati.

”Qui siamo a Hong Kong” dice. “Loro sono un’importazione americana”.

Un altro settore che aspetta con ansia l’arrivo della Disney è quello dei trasporti. Con la realizzazione di Disneyland sull’isola di Lantau – circa mezz’ora di navigazione o di treno dal centro di Hong Kong – è diventato un grosso problema trovare un modo efficiente di spostare le persone.

La Mass Transit Rail Corporation ha deciso di costruire una linea di binari di tre chilometri fino al parco, al costo di 2 miliardi di dollari di Hong Kong (257 milioni di dollari USA; 197 milioni di Euro). La linea è collegata alla sotterranea esistente è sarà in grado di fare la spola trasportando circa 10.000 passeggeri l’ora verso il parco.

Per dare un servizio completo alle folle di Disney, i finestrini del treno e le maniglie di sostegno sono a forma di Topolino. In più, soffitto e lati dei vagoni sono dipinti in vivaci tonalità di rosso, giallo, viola e blu.

Il Dr. Anthony Yeh del Center of Urban Planning alla Hong Kong University sostiene che questa nuova linea renderà il parco meno dipendente dalle automobili.

”La norma (per i parchi a tema) è di avere grandi parcheggi per sistemare le auto. A linea MTR assicura che la versione Hong Kong di Disneyland sarà orientata al trasporto pubblico”.

Yeh prevede anche un grande afflusso di bus organizzati dalla Cina verso Hong Kong, indicando come gli abitanti delle principali città dell’entroterra come Shenzhen possano facilmente fare visite di un giorno.

”Molti cinesi vogliono venire Disneyland”.

Nota: il testo originale al sito di All Headline News ; per capire meglio il senso del ruolo del trasporto pubblico a Hong Kong, qui su Eddyburg gli estratti dalle Linee Guida metropolitane per gli insediamenti commerciali e per il tempo libero (f.b.)

ARTICOLI CORRELATI
19 Ottobre 2016
31 Dicembre 2008
6 Dicembre 2007

© 2022 Eddyburg