loader
menu
© 2022 Eddyburg
Luca Beltrami Gadola
Gli interessi immobiliari ridisegnano la città
15 Giugno 2010
Milano
Senza ideologia non si va da nessuna parte, e il vuoto della sinistra devasta anche l’urbanistica. La Repubblica ed. Milano, 15 giugno 2010 (f.b.)

L’ultimo "Controcanto" ha attirato gli strali di una parte dell’opposizione, soprattutto là dove parlavo della trasversalità degli interessi immobiliari. L’articolo di Andrea Greco sulle pagine milanesi di Repubblica di venerdì scorso ne dà egregiamente conto. Per altro è un vecchio vizio della sinistra. Negli anni Ottanta già polemizzavo con l’amico Umberto Dragone, vicepresidente della Lega delle Cooperative, perché consideravo quantomeno curioso che i più importanti lavori pubblici fossero appaltati a consorzi d’imprese sempre a tre: imprese delle partecipazioni statali, imprese private e imprese cooperative, in genere nella quota di 1/3, 1/3 e 1/3. Quindi le compagnie più "eterogenee" della sinistra non mi stupiscono ma mi stupisce lo stupore che nasce quando lo ricordo.

Veniamo al Pgt che ho sempre considerato "irricevibile" e "indiscutibile" per l’opposizione. Non si tratta di un documento urbanistico puro ma del "manifesto" di Cl in materia di visione sociale della città e, contemporaneamente, il "manifesto" della democrazia urbana secondo Cl, dove si ridistribuiscono i poteri tra organi elettivi diretti, il consiglio comunale e la Giunta. È un che ridisegna Milano.

Perché l’opposizione non si è ribellata? Perché non ha accettato il confronto su questi elementi del Pgt? Mentre la sinistra si sciacqua la bocca sulla scomparsa delle ideologie c’è chi - Cl - , dobbiamo riconoscerlo, con un documento complesso e di difficile decrittazione, rozzo in molte parti, ricomincia a pensare in termini ideologici: senza ideologia non si va da nessuna parte. Quest’opposizione sembra non essersi accorta che nell’inseguimento di qualche ettaro di verde è caduta nella trappola di quella specie di sindrome di Stoccolma della dialettica politica: essere lentamente persuasi delle opinioni del tuo avversario, in questo caso abile, perché ti distrae dalla visione d’insieme e porta il gioco dove gli fa comodo.

Quanto al meccanismo della perequazione, ossia l’attribuzione alla maggior parte del suolo comunale di un’edificabilità media generalizzata, il primo a pensarci fu l’onorevole Sullo (1921-2000) che ne fece oggetto di una proposta nel 1963 (bocciata su pressione degli immobiliaristi), poi ci riprovò il senatore Achille Cutrera e non ebbe miglior fortuna, mancatogli l’appoggio della sinistra.

Ora tutti d’accordo a Milano? E non vogliamo parlare di trasversalismo? L’Istituto italiano di urbanistica per anni ha tentato inutilmente di riprendere il discorso. Ma quale è la vera novità della perequazione secondo il Pgt milanese? In passato si parlava semplicemente di non penalizzare quei cittadini che si trovassero ad avere le loro aree sottoposte a vincoli (verde pubblico, servizi e così di seguito) rispetto a quelli che se le "trovavano" con possibilità edificatorie libere (residenza in particolare). Oggi, col nuovo Pgt e l’assegnazione di un indice di edificabilità unico a zone si è anche introdotto il criterio della vendita di questi diritti e la loro trasferibilità su altre aree. Un’ipotesi praticabile ma che richiede ben altre e più articolate norme e che stride persino con quel minimo di pianificazione contenuto nel Pgt stesso: una norma che andrebbe discussa a parte e non nel calderone del Pgt. Peccato che per "loro" sia un principio intoccabile.

Postilla

Fiorentino Sullo non può essere considerato un antesignano della spalmatura dell'edificabilità, e della conseguente "perequazione", come proposto allora da Achille Cutrera e Michele Achilli, come applicata nel recente PRG di Roma. Il ministro democristiano dell'epoca aveva proposto l'acquisizione preventiva dei suoli resi edificabili dal PRG e un'indennità pari al valore agricolo per le aree di nuova urbanizzazione e pari al valore venale per quelle già urbanizzate o urbanizzabili (si veda su eddyburg la sua proposta,e in particolare l'articolo 24 )

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg