loader
menu
© 2022 Eddyburg
Antonio Corbelletti
Contro la Broni-Mortara
28 Giugno 2007
Padania
I contorcimenti logici del mondo ciellino affaristico sulla creativa procedura di “valutazione ambientale sintetica”. Da il manifesto, 28 giugno 2007 (f.b.)

Il Coordinamento dei Comitati che si oppongono all’autostrada Broni-Mortara rilancia la mobilitazione con una nuova raccolta di firme per chiedere l’annullamento dell’iter autorizzativi dell’opera. Il dito è puntato nuovamente contro la Giunta Formigoni e Infrastrutture Lombarde spa. Il motivo è chiaro: il 7 febbraio scorso la Conferenza dei Servizi ha votato all’unanimità un odg per subordinare la predisposizione del progetto definitivo all’esito positivo della Valutazione Ambientale Strategica (VAS), in grado di stimare la sostenibilità complessiva dell’intervento, con l’auspicio di un confronto ampio e partecipato tra istituzioni, attori e comunità locali sul progetto.

Un esito non scontato vista l’irresistibile marcia dei promotori dell’autostrada – società SA.Brom spa, 85% gruppo Gavio leader autostradale e 15% Milano Serravalle, e l’imponente schieramento a sostegno (Regione, Unione industriali, Camera di Commercio, Amministrazione provinciale, Compagnia delle Opere). Tutti a favore dei 69 km del nastro di asfalto che dovrebbe collegare il Pavese - dopo avere affettato la Lomellina, riserve naturali e risaie comprese - con il Corridoio 5 Barcellona-Kiev!

In prima fila l’assessore regionale alla famiglia e alla solidarietà sociale Abelli, con “delega all’autostrada” secondo i Comitati.

Nonostante la macroscopica anomalia di una VAS chiesta per il progetto definitivo e ignorata prima della presentazione (come indicato dalla normativa europea) l’attesa sulle scelte della Regione era grande. Invece nella deliberazione di Giunta del 4 maggio, assunte le determinazioni della Conferenza dei Servizi e definito il corridoio di salvaguardia di 75 metri per lato, dando mandato ai 24 comuni coinvolti nel progetto di recepirlo nei propri strumenti urbanistici, della VAS non c’è traccia. Il solo richiamo è per Infrastrutture Lombarde spa, soggetto “concedente” dell’autostrada regionale Broni-Pavia-Mortara e presentatrice del progetto preliminare, che farà una “valutazione sintetica dell’impatto ambientale, ispirandosi alle specifiche direttive in materia di VAS”. Per i Comitati è una beffa, l.ultima scorrettezza sulla quale chiedono ai sindaci di intervenire nei confronti di Provincia e Regione per fermare “la cancellazione di parole e impegni”.

Per info e adesioni il sito dei Comitati

Nota: su questo sito altre informazioni sul progetto autostradale Fabbrica di Sprawl dal fantasioso tracciato lungo le traiettorie dei corridoi elettorali (f.b.)

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg