loader
menu
© 2022 Eddyburg
Fabrizio Bottini
Contro il degrado del territorio cremonese una Lista. Civica suo malgrado
11 Maggio 2004
Padania
Con centrodestra e centrosinistra avversari su tutto, tranne l'idea di città e territorio, un gruppo di comitati prova a rappresentare da solo alcuni interessi delle grandi pianure (fb)

Premessa a un link – di Fabrizio Bottini

Era già emerso, solo per fare un esempio, dalla nostra garbata polemica urbanisti/Micromega che potremmo titolare “Scusi, dove sta il territorio?”: ai partiti la questione dello spazio, urbano, territoriale, del come quando e dove trasformare, non pare importare moltissimo. E questo vale anche per altri aspetti che col territorio sono strettamente legati, come le forme di partecipazione locale e meno locale, o più prosaicamente gli indirizzi di spesa e il loro ovvio rapporto con il sistema della fiscalità. Perché sembra troppo facile, per esempio, enunciare un insieme di valori di riferimento condivisi, e poi escluderne di fatto alcune declinazioni appena esse assumono la forma tangibile di un investimento orientato secondo una direzione piuttosto che l’altra, dalle grandi infrastrutture, alla ricerca, ai servizi.

Succede anche alla sinistra, o meglio centro-sinistra, o ancora meglio declinazioni locali del centro-sinistra: nel territorio, dove i valori condivisi o concordati dovrebbero “avvitarsi” e interagire con la società e l’ambiente, essi sembrano invece spesso volatilizzarsi, sostituiti da quanto viene presentato come “pragmatismo”, o opzione che nulla ha a che spartire con quei valori, e che dunque si evolve in modo ad essi estraneo. È successo, anche nel caso dell’intreccio padano di opere pubbliche, e connesso sistema di partecipazione e consenso, di cui abbiamo riferito nell’articolo sull’autostrada Cremona-Mantova. Un progetto contraddittorio, inserito entro un contesto di strategie e investimenti ancora più contraddittorio, sul quale però non si sono riprodotti (come spessissimo accade) gli schieramenti destra-sinistra, nemmeno con le fisiologiche o patologiche correzioni del caso.

Accade allora che comitati territoriali già impegnati per alcune battaglie sull’ambiente e i trasporti, si trovino (quasi loro malgrado, verrebbe da dire) a doversi far carico direttamente di un impegno politico in senso stretto, presentando una propria lista alle prossime elezioni provinciali cremonesi, alternativa sia al centrodestra che al centrosinistra, soprattutto anche se non solo su temi “territoriali” (come la revisione del PTCP, in testa al programma in questo senso).

Dato che SOS padania è un nodo di flussi, e non una vetrina elettorale, lasciamo naturalmente e completamente ai lettori il giudizio sul programma, la lista, il suo contesto, limitandoci a riportare il link al sito, così come ci è stato segnalato dai responsabili.

Nello stesso modo, “simpatico” ma allo stesso tempo neutro, riferiremo in futuro di altre iniziative simili e dei loro sviluppi (comunque positivi, come tutti i veri sviluppi).

Qui l'articolo sull'autostrada ACME


Link al sito della lista Ambiente Territorio Società, con i programmi, le iniziative, gli eventuali aggiornamenti a cura dei responsabili
ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg