loader
menu
© 2022 Eddyburg

"Come tutti gli altri"
19 Aprile 2004
Lettere e Interventi
Stefano Fatarella (Udine), 03.05.2003

Buffone, fatti processare come tutti gli altri. Rispetta la legge, la magistratura, la Costituzione, la democrazia e la dignità degli Italiani o farai la fine di Ceausescu o di Don Rodrigo. Un cittadino Italiano ha rivolto questa contestazione arrabbiata al primo ministro, appena uscito dall'aula giudiziaria dove ha rilasciato la sua spontanea dichiarazione. La contestazione ha sollevato le immediate ire furibonde del primo ministro che ha immediatamente richiesto agli agenti di polizia giudiziaria di prendere il nome del povero cristo malcapitato, il quale ha la sola colpa di non pensarla proprio come il cavaliere. Non ha avuto esitazione Berlusconi a dare ordini alla polizia, a inveire a sua volta e a promettere arroganti pene esemplari. Ci mancava solo che menasse di persona il povero cristo e che si mettesse a prenderlo a parolacce. I denti digrignavano, le mani volavano, il viso era cupo e incazzato.

Ingiurie ? Chiedere che le leggi, la magistratura, la Costituzione, la democrazia, gli Italiani siano rispettati, non credo proprio che siano ingiurie, ma sacrosanti richieste di un cittadino democratico a cui stanno a cuore le colonne istituzionali della repubblica democratica Italiana nata dalla Resistenza ai fascisti ed ai nazisti.

Non sembra che il primo ministro abbia convenuto con il contestarore, tant'è che ha immediatamente reso evidente a tout-le-monde come intende il ruolo di primo ministro della repubblica Italiana delle banane, giusto per far capire chiaro che lui non tollera voci fuori dal coro e che i suoi avvocati - e ringrazi il malcapitato che per ora solo di loro si avvale il Capo - gliela faranno pagare cara. Così, il povero cittadino, piccolo sconosciuto ai grandi - il cittadino è sempre sconosciuto, ma a volte, ogni tanto, assume la sembianza di un elettore è allora è più interessante - , ha osato ribellarsi al Capo. Gliela farà pagare, eccome, il Capo: il povero cristo dovrà sfracellarsi contro un muro per pagare avvocati, cacciare ogni lira per risarcire l'onta subita dal capo, perderà chili, non dormirà la notte, magari lo licenzieranno, subirà ricatti, violenze silenziose, verrà messo alla berlina, avrà l'ulcera. Ecco, questa è la democrazia del nostro piccolo-grande Beria-Ceausescu. Questo è il modo di intendere la critica, il pensiero diverso. Anzi: guai a difendere la Costituzione che è sovietica, guai a rispettare la magistratura che è comunista, guai a rispettare le leggi che sono fatte apposta per non fargli fare soldi a sufficenza per il nostro bene, guai a rispettare la democrazia che il popolo chiede solo nani e ballerine, guai a rispettare gli Italiani che contano solo se sono clienti della Mediolanum. Potrà il Capo mandarci tutti in tribunale ? A quando i tribunali speciali, a quando il licenziamento per chi non la pensa come lui, e a quando la fucilazione per chi non veste in doppiopetto grigio e cravatta a pois ? E questo venditore di banane dovrebbe rappresentare l'Italia alla dirigenza dell'Europa per la seconda metà dell'anno in corso! Costui è veramente vergognoso, indecente, estraneo alla democrazia; è un pericolosissimo convinto luddista della Repubblica. E la pagheremo cara, tutti: chi non lo vota e chi lo vota, ma anche in Europa farà danni. Sarà capace di spaccare l'Europa e si farà più americano di un texano del KKK.

Quando The Economist mise in guardia gli Italiani dal votare B. non gli demmo retta (non abbastanza, almeno). Il guaio è che in Europa ciascuno vota a casa sua, e poi anche gli altri Europei devono tenersi Berlusconi (loro solo per sei mesi). Non ci vorranno più tanto bene, dopo averlo assaggiato. E gli Italiani? Avranno capito?

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg