loader
menu
© 2022 Eddyburg
Adolfo Pappalardo
Campania: Turismo, look ai porti e 980 nuovi posti barca
29 Marzo 2004
Napoli
Con il Programma operativo regionale si finanzieranno nuovi approdi turistici, come informa il Corriere del Mezzogiorno del 9 marzo 2004. Proprio mentre la Regione sta elaborando il suo atto di pianificazione territoriale, nel quale certamente le opere d’interesse regionale troveranno esatta localizzazione, e le scelte sul territorio definiti criteri di selezione? Sembra un po’ strano, ma l’Italia è fatta così.

NAPOLI — Partono i lavori di riqualificazione dei porti campani. In totale saranno 980 i nuovi posti barca mentre ne verranno riqualificati altri 3850 per una spesa complessiva di 165 milioni di euro.

Questa volta però, è certa anche la data di apertura dei cantieri: entro il 2005 anche se già dalla prossima estate iniziano i lavori di messa in sicurezza. Anticipazioni che l’assessore regionale ai trasporti, Ennio Cascetta ha illustrato, ieri mattina, nel corso di una tavola rotonda sulla portualità al “ Nauticsud”. « In particolare — spiega l’esponente di Palazzo Santa Lucia — sono stati approvati otto studi di fattibilità tra quelli presentati alla prima fase di selezione prevista dal nostro bando. Ma oltre a questi, presso i nostri uffici sono sotto esame i progetti presentati entro il dicembre del 2003. Lavori che prevedono un investimento di 165 milioni di euro, di cui 32 provenienti dal Por Campania » .

Per i prossimi mesi però, partiranno i lavori per i porti di Casamicciola, Forio d’Ischia, Piano di Sorrento, Sapri, Serrara Fontana, Torre del Greco, Vico Equense e Salerno. Ma sono previsti ancora, cantieri per l'adeguamento dei porti di Acciaroli, Monte di Procida, Pisciotta, Casalvelino, Montecorice, Cetara, Riva Fiorita, Marechiaro, Gaiola, Serrara Fontana e per la riqualificazione di Capri e Agropoli, e si aprirà la darsena di Marina di Stabia.

« Ma entro la prossima estate — precisa ancora Cascetta — partiranno i lavori di messa in sicurezza dei porti di Palinuro e Sapri, di riqualificazione degli approdi di Positano, Villa Favorita- Ercolano e Pozzuoli- molo caligoliano e dei porti di Sorrento e Procida » .

Ma se la portualità turistica prende il largo si progettano nuove soluzioni anche per Napoli dove si sente la penuria di posti barca per il diporto. « Attualmente la disponibilità — spiega Pietro Capogreco, segretario generale dell'Autorità portuale di Napoli — è di appena 2500 posti barca mentre la richiesta è doppia. Per questo stiamo accelerando i tempi ed abbiamo approvato i progetti di ammodernamento per gli approdi turistici di Riva Fiorita, Gaiola e Marechiaro mentre, a breve, partiranno i lavori per l’area di Vigliena dove contiamo di ormeggiare almeno 800 barche » .

Adolfo Pappalardo

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg