In The Ghetto (1969)
Scott Mac Davis
In una canzone resa famosa da Elvis Presley, tutti i presupposti delle rivolte urbane di cui si discute ancora oggi, Mp3 scaricabile (s.f.)

In The Ghetto
(Scott Mac Davis - 1969)

As the snow flies
On a cold and gray Chicago mornin'
A poor little baby child is born
In the ghetto
And his mama cries
'cause if there's one thing that she don't need
it's another hungry mouth to feed
In the ghetto

People, don't you understand
the child needs a helping hand
or he'll grow to be an angry young man some day
Take a look at you and me,
are we too blind to see,
do we simply turn our heads
and look the other way

Well the world turns
and a hungry little boy with a runny nose
plays in the street as the cold wind blows
In the ghetto

And his hunger burns
so he starts to roam the streets at night
and he learns how to steal
and he learns how to fight
In the ghetto

Then one night in desperation
a young man breaks away
He buys a gun, steals a car,
tries to run, but he don't get far
And his mama cries

As a crowd gathers 'round an angry young man
face down on the street with a gun in his hand
In the ghetto

As her young man dies,
on a cold and gray Chicago mornin',
another little baby child is born
In the ghetto
Nel Ghetto
(Scott Mac Davis - 1969)

Mentre la neve cade
In una fredda e grigia mattina a Chicago
Un povero piccolo bambino è nato
Nel Ghetto
E la sua mamma piange
Perchè se c’è una cosa di cui lei non ha bisogno
É un’altra bocca da sfamare
Nel Ghetto

Gente, non capite
Il bimbo deve essere aiutato
O un giorno crescerà essendo un uomo arrabbiato
Guarda me e te
Siamo troppo ciechi per vederlo
Giriamo semplicemente la testa
E guardiamo dall’altra parte

Beh, il mondo va avanti
E il bimbo affamato con un naso moccoloso
Gioca per la strada, mentre un vento freddo soffia
Nel ghetto

E la sua fame divampa
così inizia a vagabondare per la strada, di notte
impara a rubare
e impara a combattere
Nel ghetto

Allora una notte, in disperazione
Un giovane uomo fugge
Compra una pistola, ruba un’auto
prova a correre, ma non va lontano
E sua mamma piange

Come la folla si raduna attorno a questo arrabbiato giovane
Che si affaccia per la strada con una pistola in mano
Nel ghetto

Come il suo giovane muore
una fredda e grigia mattina a Chicago
Un altro bambino è nato
Nel ghetto


Sullo stesso tema
Giovanna Marini
Amo moltissimo le canzoni di Giovanna Marini, ma questa forse rimane la più bella. Per me, ovviamente
Elio Giacone
Filastrocche su due parole molto importanti di questi tempi: “sicurezza” e “diverso”. Un regalo per i bambini, grandi e piccini, di eddyburg (i.b.)
Boris Vian
Non sono un pacifista a oltranza, ma questa canzone pacifista (parole di Boris Vian, musica di Harold Berg, 1954) è secondo me molto bella. In fondo il file musicale
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg