Ma quanto siete american Mr Siniscalco e Lady Moratti
Eddyburg
Una performance involontariamente umoristica di due ministri del centrodestra, all'inaugurazione a Genova di quello che hanno chiamato "Ai-Ai-Ti". Da il manifesto del 10 ottobre 2004 (fb)
A conferma che in Italia per sentirsi avanzati si usa l'inglese a sproposito, valga quanto successo a Genova venerdì scorso: due ministri (Moratti e Siniscalco) sono accorsi al capezzale del vacillante presidente della regione, Sandro Biasotti, per rafforzarne la candidatura alle prossime regionali. L'hanno fatto con una cena di gala nei pressi di Portofino e con una seduta pubblica nella quale il fisico Roberto Cingolani è stato nominato alla guida del nascente IIT, Istituto Italiano di Tecnologia, da mesi narrato come una sorta di Mit italico. Il sorridente Siniscalco, quello che nei giorni scorsi ha chiamato «shadow toll» il pedaggio sulle superstrade, ci ha fatto dunque capire che per essere davvero moderni occorre che IIT venga pronunciato «ai-ai-ti», all'inglese. Ora che gli inglesi chiamino «naiki» la Nike di Samotracia può essere un segno di ignoranza della cultura classica, ma che I-I-T si debba storpiare in quel modo è del tutto nuova (a parte il fatto che gli americani verosimilmente lo pronunceranno «double-ai-t», ovvero «doppia I». Per parte sua Cingolani ha sintetizzato gli indirizzi di studio con la locuzione «humanoid robotics», un termine preso a prestito dal Mit di Boston e dalla giapponese Waseda university. Secondo Moratti, che di queste cose non ne capisce, queste ricerche riguarderanno anche la salute («di cui è inutile che vi ricordi quanto è importante»), ma nella letteratura scientifica corrente la «robotica umanoide» indica sostanzialmente un ramo dell'intelligenza artificiale applicata.

Il tutto è avvenuto nei locali dell'ex manicomio di Quarto che un primario basagliano, Antonio Slavic, negli anni `80 trasformò da inferno a luogo della socialità e della creatività artistica. Venerdì invece Quarto ha ospitato il «board of trustees» (Comitato di indirizzo e regolazione dell'istituto) dell'Ai-Ai-Ti, e per gli ex matti creativi non ci sarà più posto, anche se per legge il patrimonio degli ex ospedali psichiatrici deve restare agli ex ospiti e alle loro famiglie.

Nota: a questi patiti degli americanismi a tutti i costi, un suggerimento per dare un nome al loro modello di sviluppo: "Lacrimarum Valley" (fb)

Sullo stesso tema
Ilaria Boniburini
Con il numero di Febbraio 2019 della rivista Dialoghi Urbani, comincia una sezione dedicata al dibattito sempre attuale sulla rendita, e sul ruolo che essa ha nelle trasformazioni urbane e nel consentire o meno l'accesso di tutti alla casa, agli spazi pubblici, ai servizi necessari per una vita dignitosa.
Diego Pretini
Il Fatto Quotidiano, 22 novembre 2017. Dove il pensiero non c'è. Le parole che usano, le frasi che compongono, le immagini che riciclano: fumo un po' puzzolente per nascondere il niente
Antonio Gramsci
Un mestiere difficile ed estremamente delicato, decisivo per le sorti del mondo e dell'umanità, che ciascuno di noi è chiamato a svolgere. Descritto in due pagine indimenticabili per aprire l'Antologia di
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2022 Eddyburg