loader
menu
© 2022 Eddyburg
Edoardo Salzano
20031000 La nuova edizione di ”Fondamenti di urbanistica”
15 Gennaio 2008
Articoli e saggi
È in libreria la nuova edizione accresciuta di Fondamenti di urbanistica - la storia e la norma , Bari-Roma 2003, (€ 25.00). Inserisco qui sotto la prefazione alla nuova edizione e il sommario degli ultimi tre capitoli.

Prefazione alla nuova edizione (2003)

Copertina "Fondamenti di Urbanistica"

Nel giugno del 2003 ho aggiornato il libro con la presente quinta edizione. Non ho modificato i primi nove capitoli della precedente edizione. Ho sviluppato invece l’ultima parte. I tre ultimi capitoli di questa edizione ampliano considerevolmente il contenuto delle precedenti, integrandolo soprattutto con informazioni e valutazioni a proposito della legislazione urbanistica delle regioni, e con qualche riflessione su argomenti all’ordine del giorno del dibattito urbanistico (come la governance e, più in generale, i rapporti tra pubblico e privato), oppure riproposti nelle pratiche di pianificazione degli ultimi anni (come la questione dei “vincoli urbanistici”). Infine, qualche ulteriore riflessione sulla figura e il ruolo dell’urbanista è stata provocata da ricerche che ho avuto modo di seguire nell’ambito della facoltà di Pianificazione del territorio e del dipartimento di Pianificazione dell’IUAV.

Per non aumentare il costo dell’edizione (e quindi non costringere l’Editore ad aumentare il prezzo) non ho modificato i primi capitoli. Ciò non mi ha consentito di seguire i consigli, peraltro sensati, di ampliare alcuni momenti del percorso storico o introdurvi altri argomenti.

Mauro Baioni, Ada Becchi, Fabrizio Bottini, Alessandro Dal Piaz, Vezio De Lucia, Marco Guerzoni, Luigi Scano hanno avuto la pazienza di leggere e correggere la nuova edizione e la bontà di darmi utili consigli per le novità introdotte. Li ringrazio (assumendo naturalmente l’intera responsabilità del testo), come ringrazio i colleghi che hanno ritenuto utile questo libro per la didattica universitaria.

Sommario degli ultimi tre capitoli

X. Un nuovo contesto

La pianificazione all'inizio del nuovo secolo, p. 239

Cambiamenti della società, trasformazioni del territorio, p. 239 - La città: la scimmiotto e la svuoto, p. 240 - La risposta delle istituzioni, p. 242 - Liquidata la politica della casa, p. 244 - Italia S.p.A., p. 245 - Serve ancora la pianificazione?, p. 246

Valori e obiettivi per la pianificazione, p. 248

I valori della collettività, p. 248 –L’uovo o la gallina, p. 249 - La democrazía è sostenibile?, p. 251 - La storia e la natura, p. 252 - Pianificare la conservazione, p. 253 - Il «sistema delle qualità», p. 254

I limiti della pianificazione tradizionale, p. 256

Il piano criticato, p. 256 - Tre versanti critici, p. 256 - Il modello mila­nese, p. 257 - Un'altra «terza via», p. 260

XI. Una nuova pianificazione: dai principi alle leggi regionali

Dal «piano» alla pianificazione, p. 265

Una definizione della pianificazione, p. 265 - Gli obiettivi della pianificazione, p. 266 - La coerenza nello spazio e nel tempo, p. 267 - Una sintesi tra flessibilità e coerenza, p. 267

Un nuovo meccanismo di pianificazione, p. 268

Scelte strutturali e scelte programmatiche, p. 268 - Un nuovo rapporto tra «piano» e tempo, p. 269 - Due condizioni irrinunciabili, p. 270 - Il nuovo meccanismo nelle legislazioni regionali, p. 270

I livelli della pianificazione, p. 274

Il «principio di pianificazione», p. 274 - Il principio di sussidiarietà, p. 275 - Dall'approvazione alla verifica di conformità, p. 277

Pianificazione ordinaria e pianificazione specialistica, p. 278

Troppi piani?, p. 278 - Piani diversi, per esigenze diverse, p. 278 - I pia­ni per il paesaggio, la difesa del suolo, le aree protette, p. 279

L'ambiente nella pianificazione: qualche passo avanti, p. 281

Le condizioni alle trasformazioni, p. 281 - L'ambiente nelle legislazioni regionali, p. 282 - Le azioni per la tutela e la valorizzazione, p. 285

«Governance»: significato e limiti d'un termine nuovo, p. 286

La «governance», come nasce, p. 286 - Non è vero che tutti gli attori sono uguali, p. 287 - Gli interessi privati, p. 288 - Governare la «governance», p. 289 - E la partecipazione?, p. 290

XII. Requiem per la «riforma urbanistica»?

Tentativi a Roma, nuove leggi altrove, p. 293

Le proposte ci sono, p. 293 - La 1150 era una buona legge, p. 294 - La «mannaia» della Corte costituzionale, p. 295

La questione dei «vincoli urbanistici», p. 296

Una distinzione preliminare, p. 296 - Le sentenze costituzionali, p. 297 - Chi pone i vincoli ricognitivi?, p. 299 - I vincoli «urbanistici»: è incostituzionale non indennizzarli se sono «espropriativi», p. 301 - Ma non è sempre illegittimo reiterare i vincoli urbanistici, p. 301 - Può il prg eliminare senza danni l'edificabilità di un'area?, p. 303 - Il diritto non richiede di «compensare» o «perequare», p. 305

Per concludere, p. 306

Pianificare si può, p. 306 - La questione del consenso, p. 307 - La politica, p. 307 - Gli urbanisti, p. 309 - La stella polare, p. 310

ARTICOLI CORRELATI
© 2022 Eddyburg