loader
menu
© 2022 Eddyburg
Giovanni Sartori
Quando saremo dieci miliardi
15 Agosto 2011
Clima e risorse
Benedetta senza pietà dalla chiesa cattolica, la sovrappopolazione del pianeta rischia di distruggerne i fragili equilibri. Dal Corriere della Sera 15 agosto 2011 con innocente postilla. (f.b.)

Mentre tutto va male nel mondo economico, ci siamo dimenticati che dai palazzi vaticani arriva la buona notizia che stiamo per diventare (in ottobre) 7 miliardi. Per di più, e meglio ancora, arriva anche una nuova previsione demografica. Finora si stimava che nel 2050 saremmo arrivati a 9 miliardi, per poi cominciare a decrescere. Ma oggi la stima è diventata che a fine secolo, nel 2100, saremo 10 miliardi. È anche perché l'Aids è diventato controllabile e non ucciderà più come prima. Ma è anche per merito (o per colpa) della Chiesa cattolica che si ostina – pressoché sola tra tutte le religioni – a proibire i contraccettivi e a demonizzare il controllo delle nascite.

Eppure la nuova proiezione dei dieci miliardi è terrorizzante. Anche perché il sovraccarico demografico colpirà soprattutto l'Africa. Per fortuna per fine secolo la popolazione cinese scenderà a quota 950 milioni, e anche se l'India dovrebbe salire da 1 miliardo e 200 milioni di oggi a più di un miliardo e 500 milioni, anche così il totale dei due colossi asiatici rimarrebbe invariato. Invece l'Africa è davvero votata al disastro. Quest'anno la zona in crisi di siccità e di cibo è il Corno d'Africa; ma lo è da parecchio, si tratta di una crisi ricorrente. Che ricorre un po' dappertutto. Ma la proiezione che più spaventa è quella della Nigeria, che dai 150 milioni di oggi dovrebbe addirittura salire a 730 milioni. Follia suicida? Certo. Ma la stessa follia è diffusa in tutta l'area, fino al Sud Africa.

Aggiungi che i dati demografici non dicono tutto. Di tanto un Paese povero si sviluppa davvero, di altrettanto aumentano i consumi pro capite: consumi di cibo ma anche di comodità di vita. Chi non ha mai visto la luce elettrica, ora la vuole; chi ha sofferto il freddo dell'inverno e il caldo dell'estate ora vuole riscaldamento e condizionatori; chi va in bicicletta aspira a una motocicletta; chi mangiava solo riso ora vuole anche carne. Quindi l'aumento demografico comporta aumenti moltiplicati di cibo e di comodità. È giusto. Ma il «carico ecologico» diventa così sempre più insostenibile. L'altra faccia del problema è che la sovrappopolazione fa salire l'inquinamento e anche il riscaldamento dell'aria. Per il 2100 l'aumento dovrebbe essere di 4 gradi con effetti sconvolgenti sul clima e anche sul livello del mare.

E mentre l'acqua salata cresce, l'acqua dolce diminuisce. Ovunque le falde acquifere che alimentano l'agricoltura si assottigliano (scendono) da decenni. Cina e India possono ancora contare sui fiumi alimentati dai ghiacciai dell'Himalaya; ma il granaio del mondo, gli Stati Uniti, dipende in buona parte dalle falde acquifere di Ogallala, che oramai si abbassano tra i trenta e i novanta centimetri l'anno.

Che fare? Io dico che la crescita demografica va fermata ad ogni costo. Ma nessuno osa dirlo; l'argomento è proibito. Tutti o quasi tutti invocano la tecnologia e le sue scoperte. Ma non c'è tecnologia che basti e che ci salvi con dieci miliardi di viventi.

postilla

e se ci potesse mettere una piccola grande pezza (anche) una intelligente politica urbana? Non solo da lustri la povera sottofinanziata e decadente scienza occidentale ci spiega che la città correttamente pianificata (non lo slum globale in fondo amato dai finanzieri) ha una impronta ecologica e un consumo energetico proporzionalmente inferiore a quella di insediamenti tradizionali. Non solo anche le attività agricole che oggi degradano il territorio troverebbero spazio qualificato e ruolo virtuoso nei contesti urbani post-moderni. Ma soprattutto, come ci insegna la storia, la società urbana fabbrica automaticamente meno figli, paternità e maternità cosiddette responsabili, ovvero meno automaticamente legate all’atavico istinto dell’accoppiamento (se mi si consente di semplificare così la faccenduola), e meno legate alla pure atavica idea della famiglia autoritaria e patriarcale, della progenie come braccia per i campi, del brulicare di sudditi come simbolo di potere. Paiono sciocchezze, ma sarebbero sciocchezze storicamente confermate, no? (f.b.)

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg