loader
menu
© 2022 Eddyburg
Lodo Meneghetti
Primarie a Milano. Appello per un voto
2 Febbraio 2006
Lodovico (Lodo) Meneghetti
Cerco di non pensare, ma poi penso, ai principi ...

Cerco di non pensare, ma poi penso, ai principi che contraddistinguevano la posizione della sinistra tanti anni fa, sia quando ci accingevamo alla lotta per la conquista di un Comune, sia quando esercitavamo, per così dire, il potere nell’amministrazione municipale: potere che peraltro doveva misurarsi con determinate forti limitazioni oggi sconosciute. Anzi oggi, a seguito delle norme varate unanimemente dai partiti anni fa, i poteri di sindaci e giunte (di presidenti e giunte di Regione) sono talmente ampi e spesso non confutabili da suscitare preoccupazione in merito all’esercizio della democrazia.

Da un lato, allora, le assemblee comunali erano luoghi e tempi reali del dibattito e nulla, nessun problema, nessun progetto poteva essere sottratto alla discussione pubblica e al controllo democratico dei Consigli; da un altro lato l’occhiuta rappresentanza locale del governo, il prefetto, più che verificare l’ammissibilità legale delle deliberazioni, cercava ogni modo per interdire le scelte democratiche adottate dalle amministrazioni di sinistra quando tali scelte, distinguibili per essere “qualcosa di sinistra” (come richiese il regista Moretti ai dirigenti diessini di dire durante una famosa manifestazione dell’opposizione), non erano gradite al governo centrale e, specificamente, al Partito democratico cristiano locale.

Altri tempi, altre condizioni si dirà. Vero, ma chi ha agito nelle battaglie politiche di allora e nel confronto consiliare secondo principi che non sono stati travolti dalla corrente della storia giacché principimoralmente alti, deve oggi sopportare un doppio disagio: per l’eccesso di poteri concentrati in persone e gruppi ristretti, di destra o di sinistra che siano; per essere ricorso, il centrosinistra a Milano, a un ex prefetto quale candidato a sindaco. Attenzione: l’ex prefetto milanese Ferrante, per quanto si conosce, è una persona ed è stato un funzionario statale estraneo ad atteggiamenti e azioni scorretti. Ma: è sorprendente e tristissima cosa che i due maggiori partiti del centrosinistra abbiano dovuto rivolgersi al di fuori della cultura progressista dopo l’affossamento della candidatura dell’uomo di scienza Veronesi; è imbarazzante, per me e tanti altri, dover per così dire negare il sentimento del passato come arcaico rottame per accedere al “nuovo” presente. E’ chiaro che sarà Ferrante il prescelto alla fine, soprattutto dopo il recente esplicito invito (un ordine per gli iscritti) dei dirigenti Ds, irriguardoso verso gli altri candidati, a votarlo alle primarie del 29 gennaio. Tuttavia, per non ridursi a uno stupido rito, l’occasione di tale votazione può essere colta al meglio, vale a dire non trascurando l’apporto di tutti i designati a illustrare e poi attuare il programma per un’altra Milano da quella odierna dominata da finanzieri, immobiliaristi, commercianti, personaggi e classi rispecchiate perfettamente nell’attuale amministrazione e senza dubbio da una temuta futura giunta Moratti.

Così, propongo di votare alle primarie Dario Fo, che, a parte il sostegno direi ovvio di Rifondazione comunista, rappresenta l’alternativa più autentica agli attuali amministratori. Questi, pericolosi decisionisti illiberali per parte loro o spettatori verso l’appropriazione della città da parte dei detti personaggi e classi, l’hanno ridotta a quel coacervo di abbandono produttivo, decadimento commerciale, dissoluzione sociale, disordine urbanistico e bruttezza ambientale che può valutare solo chi ha conosciuto l’affabile Milano d’antan e oggi può illustrarla ai giovani inesperti e disattenti.

Dario Fo, conoscitore della nostra città come pochi altri, non ha bisogno di essere raccontato, lui il più grande narratore esistente in Italia, premio Nobel meritato per eccellenza d’arte letteraria e d’impegno sociale, spesso offeso dai piccoli quaracquacqua di qui, raduna nelle sue proposte elettorali (che sono già note, anche per la passione con cui le ha diffuse) ciò che la sinistra culturale, in mancanza di una forte dedizione di quella politica, ha dichiarato necessario attuare, per risolvere, senza velleitarismi, le attuali difficoltà vitali di gran parte dei cittadini, non solo quelli a minor reddito.E’ certo, lo ripeto, che dalle primarie sortirà Ferrante quale rivale di Letizia Moratti. E, a quel momento, gli altri candidati del centrosinistra e noi tutti lo sosterremo con la massima decisione. Ma il voto per Dario Fo, a mio parere, può rappresentare molto di più che un gesto amicale e sentimentale; potrà servire per spingere la futura formazione di centrosinistra se al governo della città a pensare e a realizzare quel ”qualcosa di sinistra”, appunto, con tutto ciò che questo oggi significa, che tanti non ne possono più di aspettare.

Milano, 13 gennaio 2006

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg