loader
menu
© 2022 Eddyburg
Gabriella Gallozzi
Per il governo è cultura il cinepanettone
19 Dicembre 2009
Beni culturali
Le risibili decisioni della Commissione Mibac sono il sintomo di uno stravolgimento profondo della politica culturale. Con postilla. Da l’Unità on-line, 19 dicembre 2009 (m.p.g.)

Natale a Beverly Hills è un film di interesse culturale. Avete capito bene, non è una battuta alla Crozza: il cinepanettone di Neri Parenti che sta invadendo le nostre sale natalizie è stato riconosciuto - dalla Commissione cinema del ministero con delibera dello scorso 4 dicembre - film di «interesse culturale». Decisione da confermare, dopo la «visione della copia campione del film». Se la commissione preposta all’erogazione dei finanziamenti pubblici al nostro cinema, confermerà tale decisione, la «gastroenterica» commedia della Filmauro di De Laurentiis potrà accedere - sia ben chiaro - non a contributi in denaro, ma a tutta una serie di agevolazioni, create per sostenere il cinema di qualità. Per esempio sgravi fiscali (tax credit), il riconoscimento di film d’essai, la possibilità per il distributore di accedere ad un fondo - questo sì in denaro - in relazione agli incassi.

«Si tratta di un precedente di una gravità estrema», dice Citto Maselli dell’Anac, la storica Associazione degli autori. «In questo modo, infatti, si permette ad un film, di legittimo e straordinario valore commerciale, di accedere a quei circuiti riservati, invece, ai film italiani ed europei di qualità che soffrono di una visibilità limitata».

PICCOLI ESERCENTI IN RIVOLTA

Lo sanno bene quegli esercenti eroici, resistenti alle lusinghe del cinema commerciale, che si battono per tenere aperte le loro piccole sale di provincia, programmando, appunto, cinema di qualità. Come Arrigo Tumelleri, per esempio, proprietario del Cinema Verdi di Candelo, paesino di 8mila anime in provincia di Biella, «sgomento» alla notizia del riconoscimento di «film culturale» per Natale a Beverly Hills. «Posso capire - dice - che un tale “bollino” sia dato, magari, ad una commedia d’esordio di Ficarra e Picone. Ma un film di Neri Parenti che incassa milioni perché dovrebbe ottenere certe agevolazioni?».

CIARPAME CULTURALE

Nell’Italia del «ciarpame culturale», insomma può capitare anche questo. Come pure che, il «bollino doc» del ministero, venga rifiutato - è accaduto nella stessa sessione del 4 dicembre - ad un film che di «culturale» avrebbe tutti i crismi: Morire di soap di Antonietta De Lillo, la regista del pluripremiato Il resto di niente che qui propone una riflessione sul contemporaneo, stravolto dal soffocante potere televisivo. Troppo «culturale», evidentemente per i nostri tempi. Meglio le Winx che, infatti, hanno ottenuto il riconoscimento del ministero.

Ma alla base di certe scelte, diciamo così, surreali, c’è soprattutto un meccanismo di legge, per accedere ai finanziamenti pubblici, che fa acqua. Stiamo parlando, infatti, del «reference system» che fu introdotto, ai tempi, dal ministro Urbani. Per ottenere l’accesso ai fondi pubblici, infatti, bisogna avere già in tasca degli ottimi «voti». Tipo: premi, cast famoso, buoni incassi. Se la «pagella» vale si è idonei per accedere al denaro pubblico, che può essere anche il riconoscimento di interesse culturale, appunto, con o senza denari. In questo modo, va da sè, che un certo cinema meno allineato sulla «medietà» italiana ha più difficoltà. Ricordiamo, anni fa quando, parlando appunto di «reference system», suscitammo le ire del ministro Urbani chiedendo: ma non si richiesca in questo modo che il denaro pubblico, invece di aiutare il cinema d’autore, vada a finanziare i cinepanettoni? Ebbene ci siamo arrivati. Il prossimo passo sarà Il Grande fratello sotto l’alto patrocinio del Capo dello Stato.

Postilla

All’amaro sorriso che accompagna questa notizia, aggiungiamo due considerazioni minime a commento della dilagante insipienza che alberga al Collegio Romano (sede Mibac). L’evidente corto circuito di cui quest’ultimo episodio è riprova, è il frutto di un sistema appiattito in partenza sui meccanismi quantitativi: se un film ha buoni incassi, ha maggiori probabilità di accedere alle agevolazioni ministeriali.

Non solo da questo episodio risulta chiaro come la logica imperante cui l’ultima gestione ministeriale si è adeguata, sia quella del numero e della quantità: i numeri delle top list e l’aumento quantitativo dei turisti sembra essere d’altronde l’unico obiettivo culturale del Direttore Generale alla Valorizzazione così come trionfalmente dichiarato nell’autocelebrativa conferenza stampa di due giorni fa.

E’ il processo di trasformazione del bene culturale in merce che, come segnala da sempre eddyburg, caratterizza questa fase politica della gestione del territorio e dei beni comuni nel loro complesso e che si accompagna, come in questo caso, inesorabilmente, all’inversa sublimazione della merce in bene culturale: il cerchio si chiude. (m.p.g.)

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg