loader
menu
© 2022 Eddyburg
Giorgio Todde
L'isola che c'è e batte gli "sviluppitici"
7 Ottobre 2008
Sardegna
Riflessioni dopo la sconfitta del referendum berlusconiano per salvare le lottizzazioni della costa. Liberazione, 7 ottobre 2008

Non c'è sindaco-manager, assessore d'impresa, impresario che non ripeta ossessivamente la metafora del "volàno della crescita". In genere, però, della propria crescita.

Indomabili anime lottizzatrici vedono colli non costruiti e si lamentano che là non c'è "niente". La parola "niente" significa, nel vocabolario sviluppista, che non ci sono case, alberghi, garage, parcheggi, e che ci sono solo alberi, fiumi silenziosi e declivi. Colli senza volàno.

Una parte della Sardegna è già perduta strangolata dal cemento, i posti di lavoro promessi sono apparsi e scomparsi come il lampo del magnesio, le rendite sono rimaste sempre le stesse, le medesime persone, però sono ingrassate. Intanto, gomito a gomito con le imprese, alcuni sindaci e politici ogm, insistono nell'immaginare la nostra Isola come una Golconda del mattone e confondono tragicamente l'amministrare con l'edificare. Un mondo a testa in giù che ripete se stesso sino all'estinzione.

Ricostruire.

Beh, ricostruire, come dopo una guerra, il nostro paesaggio mezzo bombardato è un modo saggio e possibile di produrre un lavoro saldo e duraturo poiché la ricostruzione e la conservazione di un tessuto urbano devastato è una faccenda complessa che non ha un termine e richiede intelligenza, inventiva, fatica e pazienza.

Allora sì che la parola "valorizzare" assumerebbe un senso profondo e non nasconderebbe, come ora, la volontà volgare di edificare qualsiasi cosa, sino all'esaurimento del territorio.

I luoghi intatti hanno un valore immenso, anche economico, in sé e certo non li "valorizza" un'impresa edile che agisce senza regole. La politica sì, li può mettere in valore proteggendoli, come è accaduto in Sardegna, con leggi e norme.

Dare un valore ai quartieri desolanti che necessitano di una bonifica urbana, rendere guardabili - e quindi vivibili - le nostre periferie, ricostituirle e dargli un decoro che non hanno mai posseduto. Decostruire i nostri paesi dissennatamente "sviluppati". Beh, questo sarebbe rendere un valore perduto ai luoghi.

Chi definisce estetizzante - con una nota di disprezzo - questa visione del paesaggio e delle cose dimentica che i sensi con i quali noi percepiamo il paesaggio veicolano ogni nostra idea, fantasia, sicurezza, cultura e perfino la salute. E dimenticano che chi costruisce bei paesi e belle città non lo fa perché è un esteta decadente e ozioso ma per l'elementare bisogno di armonia che esiste in ciascuno di noi.

Moltiplicare i metri cubi all'infinito non è "sviluppo". Consolida alcune rendite, sì, e non è definibile "sviluppo".

Ragioniamo su cosa c'è di male nei 50.000 abitanti di Olbia che assume anabolizzanti demografici e svuota i paesi dell'interno, sul significato degli innumerevoli colombari-abitazione nel devastato hinterland di Cagliari, sul perché Sassari si è circondata di una periferia sconfortante, sul perché Nuoro detiene un primato di deformità urbana che vuole estendere al suo monte, sul perché i paesi dell'interno si desertificano sedotti dal brillio della bigiotteria costiera.

Il fallimento di chi ha voluto il referendum sulla legge "salvacoste" per annullarla è il fallimento degli sviluppisti - un goffo fallimento nella Gallura dove chi gridava di più contro il Piano Paesaggistico ha avuto torto - rappresenta, prima che una vittoria politica, il segno felice di una società riflessiva che non vuole uno sviluppo malato ed esige la protezione dei luoghi sacri nei quali si identifica.

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg