loader
menu
© 2022 Eddyburg
Tomaso Montanari
La prima volta di Renzi a Pompei
19 Aprile 2015
Beni culturali
Il sito archeologico simbolo, nel bene e nel male, del nostro patrimonio culturale, trasformato in una vana passerella da un premier che disprezza la cultura.
La Repubblica, blog "Articolo 9", 18 aprile 2015 (m.p.g.)

«È la prima volta che vengo a Pompei», dice senza reticenze Matteo Renzi. Era stato Berlusconi ad affrancare gli italiani dalla vergogna dell'ignoranza: e i due sono profondamente uniti dall'ostentato disprezzo per la conoscenza.Ma fa un certo effetto sentire una simile confessione da chi ha dedicato un'enorme parte del proprio discorso pubblico al patrimonio culturale, anzi alla cultura. Parlare di cultura porta consenso: praticare la cultura porta via tempo. E pazienza se si ammanniscono ricette per governare qualcosa di cui si ignora tutto: sarà il governo presieduto da uno che non era mai stato a Pompei a rifare l'arena del Colosseo, per adibirlo a luogo di spettacoli televisivi. C'è del metodo in questa follia.E l'aspetto peggiore della questione è che per Renzi – come per la massima parte della classe dirigente nata e cresciuta a nord di Roma – tutto il Mezzogiorno d'Italia è una terra incognita. E qui capisci che non manca solo un progetto (che non sia quello del potere personale): manca la seppur minima conoscenza del Paese che si vorrebbe governare.

ARTICOLI CORRELATI

© 2022 Eddyburg