loader
menu
© 2023 Eddyburg
Emanuele Lauria
La battaglia dei beni culturali di Siracusa, reintegrata la sovrintendente Basile
16 Gennaio 2015
Beni culturali
Una buona notizia. Ma basterà ad invertire la rotta in una delle Sovrintendeze più importanti della Sicilia? E quando si rivedrà l'opportunità di

una gestione dei Beni Culturali autonoma, vigente dal 1977, e che differenzia la Sicilia anche dalle altre regioni a statuto speciale? Repubblica.it Palermo, 14 gennaio 2015 (m.p.r.)

La lunga battaglia della Sovrintendenza di Siracusa si è conclusa stamattina. Il dirigente generale dei Beni culturali Rino Giglione (lo stesso che l'aveva sospesa) ha reimmesso nelle sue funzioni di capo dell'ufficio Beatrice Basile. Un provvedimento che arriva dopo la sentenza del giudice del lavoro che aveva dichiarato immotivato e dannoso il provvedimento di sospensione e dopo un parere dell'Avvocatura dello Stato, richiesto dal dipartimento, che ha sostanzialmente avallato e definito congrue per il reintegro della Basile le motivazioni del tribunale.

La Basile era stata allontanata dall'incarico a inizio settembre: era accusata in particolare di avere autorizzato la realizzazione di una piscina prefabbricata fuori terra nella villa dell'ex assessore al Territorio Mariarita Sgarlata, che in seguito al clamore per la vicenda - e a una denuncia in procura presentata dal governatore Crocetta - si era poi dimessa dall'incarico. Dopo la sopensione della Basile, altri tre dirigenti della Sovrintendenza di Siracusa erano stati assegnati ad altro incarico. La Basile ha sempre contestato il provvedimento di sospensione, asserendo di non avere violato alcuna regola nè avere violato l'ordine di protocollo delle pratiche, e attorno alla sovrintendente si era formato un vasto fronte di politici e ambientalisti che avevano segnalato il rischio che, con il suo allontanamento, potessero avere spazio le speculazioni edilizie in diverse zone di elevato valore culturale, all'interno di un sito tutelato dall'Unesco.

Soddisfatta l'ex assessore Sgarlata, che torna a parlare dopo tre mesi dalle sue dimissioni: «Sono felice del ritorno di Beatrice Basile alla guida della Soprintendenza di Siracusa - queste le sue parole - che da novembre del 2013, dalla sua nomina sotto il mio mandato di assessore regionale ai beni culturali, aveva segnato una tregua, un fermo biologico all'inarrestabile consumo del suolo che ha profondamente segnato il nostro territorio negli ultimi decenni. Credo che in molti in questi mesi l'abbiano rimpianta, anche chi magari aveva gioito per l' assurda "rotazione", perchè quello che serve a Siracusa è riqualificare l'esistente, rivitalizzare i quartieri della città e bloccare l'aggressione al suo paesaggio».

«Con il reintegro a Soprintendente di Siracusa di Beatrice Basile - dice Giuseppe Patti, coordinatore dei Verdi di Siracusa - si chiude una pagina tristissima della bassa politica siciliana che va in scena nei palazzi palermitani del potere, segna l’incapacità amministrativa di un Governo vittima di quel potere alto burocratico che altro non fa che paralizzare tutto il sistema, alta burocrazia spesso delegittimata dai doppi incarichi e dalle prebende di altra natura».

Anche l'attuale assessore ai Beni culturali, Antonio Purpura, dal primo momento dopo l'insediamento (a novembre) si era detto favorevole al ritorno della Basile: «E' un provvedimento che ho trovato sul mio tavolo appena insediatomi ed evidentemente le valutazioni giuridiche concordate con il mio ufficio di gabinetto, che ci avevano portato alla decisione di non sottoporre la proposta di revoca in giunta, erano fondate visto che sono state confermate dall'ordinanza del Tribunale», dice Purpura. «L'auspicio è che il provvedimento serva a ripristinare un clima di efficace operatività in una delle sovrintendenze più importanti della Sicilia», conclude.

Riferinemti
Sulla vicenda si veda su eddyburg in particolare di Giuseppe Palermo Soprintendenze e tentativi di epurazione: prove generali in Sicilia? Digitando "sovrintendente Basile" all'interno della casella con la lente in alto su questa pagina, troverete gli altri articoli relativi.
ARTICOLI CORRELATI

© 2023 Eddyburg