loader
menu
© 2022 Eddyburg
Teresa Cannarozzo
Il parco tematico di Regalbuto
15 Agosto 2009
In giro per l'Italia
Finanziamenti del governo di centrosinistra a un progetto demenziale di sviluppo. Una corrispondenza per eddyburg del 16 dicembre 2006; e una postilla

Dalla stampa e dalla televisione si è appreso che nei primi giorni di dicembre il Ministero per lo Sviluppo economico ha sottoscritto l’accordo di programma quadro tra tutti i soggetti interessati pubblici e privati per la realizzazione del parco di divertimenti più grande d’Europa, che sorgerà su un’area di circa 300 ettari nel comune di Regalbuto (provincia di Enna) intorno al lago Pozzillo. Si tratta di un piccolo comune di circa 8000 abitante, ricadente in una delle aree più depresse della regione, a 59 chilometri da Catania e a 128 da Palermo. E di un investimento di circa 600 milioni di euro, di cui 100 dello Stato, 25 della Regione e la restante parte a carico del privato: la Società Atlantica Investimenti di Basilea. In questi giorni sta per esser firmato anche il “contratto di localizzazione”.

L’iniziativa, che è documentata su un apposito sito (www.parcotematico.com) è in marcia da alcuni anni e prevede la realizzazione di due alberghi da 2.600 posti letto, un campo da golf a 27 buche, ristoranti, discoteche, parcheggi, un centro di produzione televisiva, un eliporto, canali, porti, il rifacimento di paesaggi esotici e di pezzi di città italiane e americane.

Fra le attrazioni del parco un Etna di cemento attraversata da un treno, gondole che si muoveranno verso una finta piazza S. Marco, il Colosseo, il Campidoglio, la Torre di Pisa, piazza della Signoria, il circuito di Monza, il Palazzo dei Normanni di Palermo, il corso principale di Taormina, le Piramidi, la torre Eiffel, una città del far West, un angolo della Louisiana e un villaggio svizzero.

Il progetto gode di un consenso politico trasversale, che va dagli amministratori locali, a quelli regionali, a importanti esponenti nazionali di Forza Italia e dei DS. Soltanto gli ambientalisti hanno manifestato notevoli perplessità.

Secondo i proponenti, per rendere remunerativo un tale investimento ci vorranno 1.600.000 visitatori l’anno. Una cifra ragguardevole, e forse velleitaria, se si pensa che il parco dovrebbe essere realizzato in un’area interna della Sicilia non facilmente raggiungibile. Al di là di tutto ci si domanda se lo sviluppo di un territorio anche a fini turistici debba proporre per forza questa accozzaglia di volgarità. Da questo punto di vista non riusciamo proprio ad accorgerci della differenza tra il passato governo di centro destra e quello attuale di centro sinistra.

A propositol del parco tematico dell'Etna, su Mall anche questo articolo di Attilio Bolzoni da la Repubblica; altre notizie e particolari del progetto a questa pagina dedicata del sito parksmania

Sul modo assolutamente acritico del ministro per lo sviluppo di intendere il termine che etichetta il suo ministero avevamo già avuto altre testimonianze; quindi il finanziamento statale concesso a questo nuovo tassello del degrado del territorio in nome della “crescita” non ci meraviglia più di tanto. Benché al peggio non c’è mai fine, non vorremmo però che a Bersani si aggiungesse Rutelli, visti gli indubbi meriti culturali di un’iniziativa che mette insieme Colosseo e gondole, Torre di Pisa ed Etna, piazza della Signoria e piramidi…

ARTICOLI CORRELATI
30 Ottobre 2018

© 2022 Eddyburg