loader
menu
© 2022 Eddyburg
Roberto D'Agostino
D'Agostino «Portiamo le crociere a Marghera con l'Expo»
16 Gennaio 2015
Venezia e la Laguna
Si vuole proseguire la distruzione della Laguna, e si vuol cogliere ogni pretesto per farlo più in fretta che si può. Ciò che interessa è accrescere le torme di turisti "mordi e fuggi", che stanno portando al collasso Venezia e il suo territorio. Roberto D'Agostino intervistato dal

Si vuole proseguire la distruzione della Laguna, e si vuol cogliere ogni pretesto per farlo più in fretta che si può. Ciò che interessa è accrescere le torme di turisti "mordi e fuggi", che stanno portando al collasso Venezia e il suo territorio. Roberto D'Agostino intervistato dal Corriere del Veneto, 13 gennaio 2014, con postilla

E se l'Expo fosse l'occasione per sperimentare le grandi navi a Marghera? La proposta arriva direttamente da Roberto D'Agostino, l'architetto ed ex assessore all'Urbanistica che ha presentato il progetto di portare le crociere a ridosso dell'area industriale. «Nel 2015 non potranno passare le navi sopra le 96 mila tonnellate, perché il presidente del Porto al Seatrade di Miami non propone alle compagnie di portarle a Marghera? Sarebbe una dimostrazione di cosa vuol dire fare sistema e un esempio di sinergia», dice. D'Agostino sottolinea come due strutture provvisorie si possano fare in poco tempo, allontanando qualsiasi perplessità del conflitto tra traffico commerciale e crocieristico.

Le stesse che ha espresso anche la commissione del ministero all'Ambiente che ha analizzato il progetto prima di una eventuale valutazione di impatto ambientale. La relazione è in corso di preparazione e pare che le prescrizioni siano tali da non consentire il passaggio alla fase successiva, a partire proprio dalla compresenza dei due traffici e la vicinanza con un'area a rischio (quella di Porto Marghera). «La compresenza di crociere e navi cargo è presto data da una migliore organizzazione dei passaggi, il problema comunque esiste anche per il canale Contorta Sant'Angelo visto che tre quarti del percorso è lo stesso - precisa l'ex assessore -. Sui rischi invece ormai sono praticamente inesistenti: a Porto Marghera le fabbriche rimaste sono poche e il raggio di pericolosità rimane all'interno del perimetro della zona industriale».
Proprio per questo invita il presidente del Porto ad accettare la sfida: «Sperimentiamo sul campo la percorribilità della proposta Marghera, l'Expo non potrebbe essere l'occasione migliore», sottolinea D'Agostino, ben sapendo comunque le perplessità della Capitaneria di porto secondo cui non sarebbe garantita la sicurezza. Potrebbe essere anche l'unica possibilità per far tornare in pista l'ipotesi che sembra essere passata in secondo piano rispetto a Contorta e al porto alla bocca di porto del Lido (il Venice Cruise 2.0 di Cesare De Piccoli). «Se fosse davvero così si contraddirebbe l'ordine del giorno votato dal Senato che prevede un confronto tra tutti i progetti sul tavolo», precisa l'architetto. Il problema a questo punto è anche temporale e si scontra con le parole del ministro alle Infrastrutture Maurizio Lupi che ha fissato per marzo il termine per la Valutazione di impatto ambientale e quindi la scelta dell'alternativa al passaggio a San Marco. Se da una parte marzo potrebbe essere il mese in cui si conclude l'iter sul Canale Contorta, dall'altra potrebbe cominciare la valutazione sul terminal alla bocca di porto del Lido, e se qualora venisse ricompreso anche Marghera i tempi si allungherebbero ancora creando quell'incertezza che Porto, operatori e compagnia di crociera non vogliono. «Rimane il fatto che anche Marghera ha concluso l'istruttoria: adesso aspettiamo le prescrizioni vere».

postilla

L'intervistato è stato la guida urbanistica delle giunte Cacciari e l'ispiratore della giunta Orsoni, ma sembra non sapere che cos'è la Laguna di Venezia. Oppure lo sa, ed ha interessi che non coincidono con quelli della tutela di quel gioiello. Altrimenti non avrebbe promosso e sostenuto una soluzione per l'arrivo della Grandi navi a Venezia che non è molto migliore del famigerato allargamento di Contorta Sant'Angelo. Come quest'ultimo, anche l'utilizzo dell'approdo di Porto Marghera per le Grandi navi comporterebbe l'allargamento del Canale dei petroli, di cui da almeno quarant'anni è noto il devastante effetto distruttivo della Laguna, e si predica e prescrive la riduzione. Chi è interessato alla questione può leggere l'aureo libretto di Lidia Fersuoch, Confondere la Laguna, nella collana Occhi aperti su Venezia di Corte del fòntego editore.

ARTICOLI CORRELATI
6 Ottobre 2020
7 Giugno 2019

© 2022 Eddyburg