loader
menu
© 2022 Eddyburg
Città e Territorio
Questa sezione contiene articoli, relazioni, analisi e storie per comprendere lo stato di fatto, l’evoluzione storica, le trasformazioni che le decisioni umane hanno apportato al pianeta terra e agli insediamenti. I documenti riguardano luoghi specifici, città, comuni, regioni, problemi che affliggono i luoghi in cui abitiamo, nonché l’ambiente e le risorse naturali come suolo, aria, acqua. “La città non è comprensibile se non si tiene sempre presente lo stretto legame tra le sue tre dimensioni, “ urbs, civitas, polis”, la città come sistema di strutture fisiche, di relazioni sociali, di capacità politica.” (Edoardo Salzano)
Questa sezione contiene materiali ispirati al lavoro di Laura Conti, autrice di "Terra a rendere". Sono trattati temi come l’energia, la crisi climatica, le risorse, i rifiuti, ma anche riflessioni di ampio raggio sull’economia e sul modello di sviluppo attuale, da parte di chi chiede di invertire la rotta per salvare il pianeta.
Sono sempre di più, e sempre più autorevoli, le voci di chi chiede di invertire la rotta per salvare il pianeta, a dimostrazione del fatto che il futuro della terra è tema di stringente attualità: sono riflessioni ad ampio raggio sulla politica e sull’economia, che riescono ad andare oltre un semplicistico ambientalismo
21 Marzo 2019
28 Dicembre 2018
28 Febbraio 2018
29 Ottobre 2017
4 Settembre 2016
3 Settembre 2016
20 Aprile 2016
16 Settembre 2013
25 Novembre 2011
24 Novembre 2011
23 Novembre 2011
Il pianeta ha sempre più fame di energia: le città crescono, i consumi anche. E crescono spreco, stress, rifiuti, catastrofi. C’è chi sostiene che bisogna puntare sulle tecnologie, non importa con quali conseguenze sul territorio, e chi sostiene che bisogna cambiare il modello di sviluppo
5 Ottobre 2011
29 Settembre 2011
23 Maggio 2011
27 Aprile 2011
24 Gennaio 2010
14 Luglio 2009
25 Febbraio 2009
25 Maggio 2008
5 Dicembre 2007
3 Dicembre 2007
3 Dicembre 2007
3 Dicembre 2007
I cambiamenti climatici e lo sfruttamento incontrollato delle risorse naturali stanno mettendo a dura prova il pianeta, spesso con conseguenze dirette anche sulle nostre città. Da Katrina all’estinzione di specie animali, i segnali si fanno sempre più frequenti
13 Febbraio 2019
26 Giugno 2018
31 Gennaio 2018
29 Agosto 2017
25 Luglio 2017
23 Giugno 2017
21 Aprile 2017
11 Febbraio 2015
24 Settembre 2014
1 Febbraio 2014
9 Giugno 2012
26 Novembre 2011
12 Giugno 2011
10 Giugno 2011
25 Maggio 2011
16 Maggio 2011
22 Dicembre 2010
30 Novembre 2010
15 Settembre 2010
19 Novembre 2009
17 Novembre 2009
18 Marzo 2009
18 Ottobre 2008
5 Dicembre 2007
3 Dicembre 2007
3 Dicembre 2007
La produzione dei rifiuti è uno dei segni più vistosi dei danni provocati dall'attuale modello di sviluppo. I casi limite (in Italia quello della Campania) ne sono un indicatore, e un'occasione per ragionare sulle cause del problema (l'immagine dal Corriere di Como)
30 Gennaio 2017
17 Dicembre 2013
2 Novembre 2013
10 Novembre 2011
11 Dicembre 2010
23 Novembre 2010
29 Dicembre 2009
13 Novembre 2009
5 Novembre 2009
18 Ottobre 2009
12 Marzo 2008
12 Gennaio 2008
12 Gennaio 2008
Questa sezione contiene materiali per comprendere che cosa la città sta diventando, che cosa essa minaccia di divenire e riflessioni su che cosa fare per invertire la tendenza in atto. Comprende contributi di altri saperi e cenni di una nuova teoria e una nuova politica della città.
22 Settembre 2017
4 Luglio 2017
4 Aprile 2017
7 Marzo 2017
25 Febbraio 2017
11 Febbraio 2017
20 Dicembre 2016
22 Novembre 2012
Questa sezione contiene testi che documentano l’acutizzarsi degli squilibri, l’erosione dei diritti fondamentali, lo smantellamento delle politiche pubbliche. Sono affrontati temi cruciali (consumo di suolo, spazio pubblico, mobilità, grandi opere, beni comuni) e questioni generali (i poteri forti, la rendita, l’esclusione).
Tanti anni fa un editoriale di Rinascita (Alarico Carrassi, 1970?) aveva il titolo: "Nella riforma urbanistica il detonatore è la casa". Chissà se oggi si potrà esprimere la stessa speranza. Certo che il disagio abitativo cresce, grazie all'abbandono delle politiche pubbliche necessarie per un settore nel quale il "libero mercato" non esiste.
24 Novembre 2017
23 Gennaio 2015
23 Ottobre 2013
21 Ottobre 2013
21 Agosto 2013
8 Agosto 2013
22 Ottobre 2012
2 Febbraio 2010
22 Luglio 2009
26 Gennaio 2009
21 Novembre 2008
13 Ottobre 2007
10 Aprile 2007
26 Ottobre 2006
18 Gennaio 2006
1 Gennaio 2006
L'abusivismo urbanistico ha in Italia una doppia causa: la diffusa convinzione che la proprietà di un bene consenta di farne ciò che si vuole: la debolezza della pubblica amministrazione. Queste causenon sono presenti ugualmente in tutta la penisola. Certo è che l'abusivismo è una delle cause rilevanti della degradazione del nostro patrimonio comune.
25 Agosto 2017
12 Agosto 2017
19 Luglio 2017
16 Maggio 2017
26 Gennaio 2014
19 Dicembre 2012
8 Luglio 2010
22 Giugno 2010
13 Novembre 2009
21 Agosto 2008
25 Giugno 2008
10 Aprile 2004
10 Aprile 2004
10 Aprile 2004
26 Ottobre 2017
9 Aprile 2016
10 Giugno 2015
29 Ottobre 2014
28 Giugno 2013
8 Febbraio 2013
21 Agosto 2012
26 Aprile 2012
20 Gennaio 2012
19 Dicembre 2011
4 Gennaio 2010
12 Dicembre 2007
5 Settembre 2006
20 Agosto 2006
30 Dicembre 2005
25 Settembre 2005
28 Agosto 2005
13 Luglio 2005
Una proposta che è di allucinante stupidità per il merito, devastante per il territorio e i cittadini, inutile rispetto ai fini di ripresa economica che si propone, e tuttavia incontra molti consensi nel popolo proprietario e negli ignoranti; oltre che, ovviamente negli speculatori grandi e piccini
1 Aprile 2010
28 Gennaio 2010
29 Settembre 2009
13 Settembre 2009
26 Maggio 2009
3 Aprile 2009
2 Aprile 2009
14 Marzo 2019
14 Novembre 2018
24 Luglio 2017
14 Febbraio 2017
Parliamo di infrastrutture. Ma l'accento va messo sulle esigenze che devono essere servite, non sul cemento, sull'acciaio, sull'asfalto che, a volte, possono servire. Se si rovescia l'ordine logico si finisce come nell'immagine. Per non pensare delle risorse limitate del pianeta che ci è stato dato per vivere.
17 Settembre 2017
18 Maggio 2017
1 Dicembre 2016
4 Settembre 2016
11 Novembre 2015
19 Settembre 2015
7 Settembre 2015
21 Maggio 2015
27 Dicembre 2014
25 Ottobre 2013
23 Luglio 2013
15 Marzo 2012
28 Dicembre 2011
10 Settembre 2011
12 Marzo 2011
21 Dicembre 2010
30 Settembre 2010
25 Febbraio 2010
21 Gennaio 2010
31 Maggio 2008
23 Novembre 2007
24 Novembre 2006
Il tema è la nuova forma (informe?) che si sta producendo sulle superficie dellaTerra per il modo in cui l'uomo trasforma il territorio. Alla nuova forma, e soprattutto alle dinamiche che la producono. Un capitolo importante sono le analisi di Fabrizio Bottini sulle vistose trasformazioni indotte in questi anni, nella pianura del Po, dalle nuove tecniche di vendita. Un altro capitolo sono i testi classici, e gli interventi attuali, sull'interpretazione generale delle trasformazioni in corso.
13 Settembre 2010
15 Febbraio 2009
5 Gennaio 2009
3 Dicembre 2007
22 Gennaio 2007
24 Novembre 2006
10 Novembre 2006
18 Agosto 2006
17 Gennaio 2006
11 Novembre 2005
23 Luglio 2005
15 Giugno 2005
8 Giugno 2005
12 Aprile 2005
20 Settembre 2004
10 Settembre 2004
Parti della città, oppure espulsione oltre l'urbano di problemi scottanti come l'abitazione a costo contenuto? Esercitazioni di architetti artistoidi innamorati di se stessi o tentativi generosi di costruire una città migliore traditi dall'amministrazione? Luoghi cndannati al degrado sociale oppure palestre per la costruzione di una società abitante? C'è dentro tutto, sia nella realtà che nel dibattito
11 Gennaio 2015
15 Settembre 2011
26 Dicembre 2004
29 Marzo 2004
29 Marzo 2004
Quelli che ci preoccupano oggi in modo particolare sono quei poteri, spesso coincidenti con persone, che hanno il potere di determinare il fuuturo del territorio e lo fanno ponendo come motore e obiettivo della loro azzione i vantaggi che ne qcsuisiscono. E' a costori che dedichiamo questa cartella
8 Ottobre 2011
Eddyburg ha una visione molto ampia dello spazio pubblico nella città, e una percezione molto viva dei rischi che esso corre. Per noi lo spazio pubblico ha il suo punto di partenza nell’archetipo della piazza, si estende all’insieme dei luoghi finalizzati alle necessità comuni, e permea l’intera concezione della “città come bene comune”
Il terremoto e il dopoterremoto in Abruzzo sono una sintesi del disastro italiano. Sulla ricostruzione (fisica, sociale, istituzionale) agiscono da un lato il bulldozer del Signore di Arcore e del suo proconsole, e dall'altro la resisistenza degli abruzzesi e delle loro istituzioni. Eddyburg è di parte, e si affida alla speranza
5 Aprile 2014
1 Aprile 2011
18 Dicembre 2010
3 Marzo 2010
13 Dicembre 2009
30 Novembre 2009
20 Novembre 2009
21 Ottobre 2009
17 Giugno 2009
7 Giugno 2009
7 Giugno 2009
7 Giugno 2009
15 Aprile 2019
15 Ottobre 2018
15 Agosto 2009
15 Agosto 2009
Questa sezione contiene notizie, commenti, discussioni, critiche, su vicende che riguardano soprattutto le principali città italiane (Milano, Roma, Torino, Firenze, Bologna) accomunate dal dominio degli interessi immobiliari, della rendita e dello sfruttamento turistico a discapito dell'utilità pubblica.