Il compagno Edoardo Salzano
Francesco Cecchini
Ancora fischia il vento. Edoardo Salzano è stato molte cose, ma innanzitutto un militante comunista, ultimamente in Potere al Popolo.

All’età di 89 ci ha lasciato il compagno Edorado Salzano.
Edoardo Salzano è stato molte cose, ingegnere urbanista, professore di urbanistica allUniversità Iuav di Venezia, autore di molte pubblicazioni, amministratore comunale e regionale, presidente dell’Associazione eddyburg, ma innanzitutto è un militante comunista, ultimamente in Potere al Popolo. Veniva dall'esperienza di consigliere comunale del PCI a Roma, poi a Venezia, sempre con il PCI. Sempre in prima linea poco tempo fa in piazza a sedie a rotelle contro le grandi navi a Venezia.

Di Venezia scrisse in un articolo pubblicato da Berlin 89 nel giugno di quest’anno da con il titolo significativo: Il malgoverno distrugge Venezia e la sua laguna, dove mette in luce le devastazioni ambientale, che stanno distruggendo la città. Del famigerato Mose ha scritto: « …mentre il Comune di Venezia elaborava, attraverso un gruppo di studiosi (con la direzione scientifica di Andreina Zitelli e il coordinamento politico-amministrativo di Luigi Scano) una proposta fortemente guidata dalla visione ecosistemica del problema, il ministro Franco Nicolazzi (PSDI) affidava la salvaguardia di Venezia al Consorzio Venezia Nuova (CVN), un consorzio privato di imprese vocate e interessate alla scelte di soluzioni finalizzate alle opere edilizie anziché alla tutela dell'ambiente…..La proposta sistemica del Comune fu sopraffatta dalla logica speculativa e meccanicista rappresentata dal Mose e dall'affidamento dei poteri di progettazione, realizzazione e gestione a un consorzio privato di imprese afferenti al settore delle costruzioni. Il MoSE si presentava come un grosso affare, e così è stato…. La spesa per il MoSe è attualmente valutata in 5.500 milioni di euro e l'opera non è ancora finite. A questi si aggiungono i costi di esercizio e di manutenzione stimati in 100-130 milioni allanno. L'onere é ulteriormente aggravato dal fatto che non è per nulla sicuro che il sistema progettato sia realmente attivabile senza rischi ancora maggiori di quelli dell'alta marea eccezionale.nEsistono infatti notevoli dubbi mai fugati, sulla tenuta delle cerniere che legano i portelloni mobili al basamento e sulla capacità del sistema di far fronte alle maggiori altezze marine dovute ai cambiamenti climatici»,

Personalmente ho conosciuto Edoardo Salzano ascoltandolo qualche volta all'Università Iuav di Venezia. In una lettera aperta, Caro sindaco parliamo di città bene comune, l’ho proposto ad un sindaco: « In Italia e nel mondo avanza e cresce un movimento che rivendica e lotta per la città bene comune. Qual è il significato di queste tre parole? Brevemente. La nota di spiegazione riprende parole di Edoardo Salzano, architetto, urbanista e militante comunista. Nonostante abbia 82 anni, Eddy come lo chiamano gli amici, potrebbe essere inviato da Lei per un incontro di qualità su Città e territorio beni comuni da non consumare». La mia lettera è stata pubblicata sul sito del comune.
Tra i suoi molti libri, è molto interessante è Memorie di un urbanista (2010), in cui racconta passioni e patemi, una lotta continua, spesso sconfitta ma non rassegnata né domata. Edoardo Salzano ci ha sempre ricordato, nella città del buon governo, dove gli spazi siano davvero comuni, c'è invece giustizia, c'è la possibilità di una comunità solidale e includente. C'è, insomma, un'altra politica.
Che la terra ti sia lieve, compagno Edoardo Salzano!
Sullo stesso tema
Maria Cristina Gibelli
Archivio di studi urbani e regionali, 126/219. Un ricordo che è anche un ringraziamento a Eddy, per aver continuato a credere che una città diversa è possibile e a lottare per una urbanistica al servizio dei cittadini e non degli interessi forti.
Lodo Meneghetti
Arcipelagomilano.it. Ricordare Eddy è ritrovare la grandezza della sua sapienza, giacché affatto ristretta allo specialismo decantato da ritardati modernisti, e invece aperta all’interpretazione olistica delle capacità umane.
Mauro Baioni
Left, 44, 1 novembre 2019. L’attività tecnica è anche culturale e d’impegno civile per la collettività e l’ambiente. È la lezione, sempre più attuale, del grande urbanista Edoardo Salzano il quale ha saputo fondere la passione per il territorio e quella per le istituzioni.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg