Ciao Eddy
Askapen Mario
off topic, 24 settembre 2019, «Edoardo Salzano verrà ricordato per tante cose. La prima è la battaglia contro la legge Lupi, del 2005».
Eddy Salzano se n’è andato. Dopo decenni di lotta in prima linea contro il malgoverno della città e dopo l’impegno di una vita contro un’idea di urbanistica governata da palazzinari e speculatori, forse Eddy non ha più retto alla nuova versione green e fashion del “fare città”, abbracciata proprio dai sedicenti eredi della sua amata sinistra.

Edoardo Salzano verrà ricordato per tante cose, dal suo lavoro di urbanista, al suo impegno di docente allo IUAV, ma, soprattutto da Milano, lo pensiamo con indomito affetto per un paio questioni fondamentali. La prima è la battaglia contro la legge Lupi, del 2005. La mobilitazione sostenuta e resa forte dalla autorevolezza di Eddy e di tanti che che con lui si sono attivati, creò un vasto movimento capace di fermare una proposta di legge disastrosa, sbagliata e che avrebbe definitivamente sancito la privatizzazione dell’urbanistica. La seconda è la sua creatura, Eddyburg. Un sito ormai fondamentale per tutti coloro che si occupano di città e territorio, di architettura ed urbanistica; un luogo anche fisico (come dimenticare le scuole di Eddyburg) che ha reso possibile una riflessione ben al di là dei contenuti specialistici, diventando un vero e proprio riferimento politico, forte di una radicalità scientifica e di una passione libera e preziosa.

Nell’ottobre 2015, a Venezia, a tavola insieme a Vezio de Lucia, mi chiese chi sarebbe stato il prossimo sindaco di Milano. Ricordo l’espressione sconcertata quando gli risposi che molto probabilmente sarebbe stato Beppe Sala. Eddy fino alla fine ci è stato molto vicino, con lui abbiamo condiviso l’opposizione alla città di Expo, degli eventi, del lusso e della turistificazione. L’eredità di Edoardo Salzano è nelle nostre mani, nelle mani di tutti coloro che si occupano di urbanistica cercando di rompere i vincoli della rendita e del capitale, nelle mani di quelli che lottano per una città sempre più libera e di tutti.

Ciao Eddy.
Sullo stesso tema
Maria Cristina Gibelli
Archivio di studi urbani e regionali, 126/219. Un ricordo che è anche un ringraziamento a Eddy, per aver continuato a credere che una città diversa è possibile e a lottare per una urbanistica al servizio dei cittadini e non degli interessi forti.
Lodo Meneghetti
Arcipelagomilano.it. Ricordare Eddy è ritrovare la grandezza della sua sapienza, giacché affatto ristretta allo specialismo decantato da ritardati modernisti, e invece aperta all’interpretazione olistica delle capacità umane.
Mauro Baioni
Left, 44, 1 novembre 2019. L’attività tecnica è anche culturale e d’impegno civile per la collettività e l’ambiente. È la lezione, sempre più attuale, del grande urbanista Edoardo Salzano il quale ha saputo fondere la passione per il territorio e quella per le istituzioni.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg