Addio a Edoardo Salzano. La sua battaglia continua
Andrea Bui
Voladora.noblogs.org. «Il miglior ringraziamento che posso pensare, l’unico all’altezza, è portare avanti la battaglia per una città liberata dalla speculazione immobiliare».

Il 23 settembre è morto a 89 anni l’urbanista Edoardo “Eddy” Salzano. Di seguito, un ricordo di Andrea Bui, che ha avuto il privilegio di conoscerlo.

Quando nel 2006 andai alla scuola di Eddyburg pensavo avrei avuto l’occasione di trovare qualche spunto interessante per la mia tesi di laurea, che volevo fare su Parma e le sue trasformazioni, nel pieno della “città cantiere” di Ubaldi. Non ricordo nemmeno come incappai in Eddyburg, forse facendo una qualche ricerca su temi di speculazione edilizia. Ma da allora è stato un punto di riferimento costante. Tuttavia, mai avrei immaginato che dietro Eddyburg ci fosse un personaggio come Edoardo Salzano.

Fu lui il primo che vidi quando arrivai, un po’ imbarazzato. Lui era ironico, semplice, diretto. Gli risposi a tono, non immaginando che fosse Edoardo Salzano, presidente dell’Istituto Nazionale di Urbanistica per diversi anni, uno dei più grandi urbanisti italiani. Si presentò come Eddy. Occhi indagatori e stretta salda. In quella settimana di “scuola estiva” trovai ben più che qualche spunto interessante. Si trattava della possibilità non solo di ascoltare, ma anche di confrontarmi con professori come Salzano, De Lucia, Gibelli, Camagni, disposti a mettersi intorno a un tavolo e seguire fino in fondo le tesi acerbe e spigolose di studenti più o meno scalcagnati, come lo si è a quell’età. Così mi iscrissi anche l’anno successivo, dopo la laurea, scegliendo di usare una delle mie settimane di ferie estive per frequentare la scuola.

E fu una scelta azzeccata. Oltre al piacere (e sì, anche al divertimento) dell’incontro con persone appassionate e competenti, insegnanti, ricercatori e studenti, quell’esperienza mi lasciò una cassetta degli attrezzi eccezionale. In quel momento iniziò un percorso preziosissimo non solo per trovare una chiave di lettura originale utile al mio corso di studi, ma anche per la mia attività di ricerca militante. Fu grazie a lui, per esempio, che riuscimmo a coinvolgere il professor Marco Ponti nella battaglia contro la metropolitana a Parma. Ma più in generale, affondano le radici in Eddyburg molte intuizioni fondamentali nell’analisi che facemmo con il collettivo Insurgent city sulla città cantiere.

Ho avuto il privilegio di presentare un suo libro a Parma nel 2009 e di conoscere Venezia grazie ai suoi suggerimenti. Al mattino, prima di uscire, davanti a una piantina della città sopra scaffali strabordanti di libri che assediavano casa sua a Dorsoduro, mi indicava con una bacchetta cosa “dovevo” vedere a Venezia… Il miglior ringraziamento che posso pensare, l’unico all’altezza, è portare avanti la battaglia per una città liberata dalla speculazione immobiliare, dall’“eventismo” turistico. Sarà dura, ma ce la metteremo tutta.
Sullo stesso tema
Maria Cristina Gibelli
Archivio di studi urbani e regionali, 126/219. Un ricordo che è anche un ringraziamento a Eddy, per aver continuato a credere che una città diversa è possibile e a lottare per una urbanistica al servizio dei cittadini e non degli interessi forti.
Lodo Meneghetti
Arcipelagomilano.it. Ricordare Eddy è ritrovare la grandezza della sua sapienza, giacché affatto ristretta allo specialismo decantato da ritardati modernisti, e invece aperta all’interpretazione olistica delle capacità umane.
Mauro Baioni
Left, 44, 1 novembre 2019. L’attività tecnica è anche culturale e d’impegno civile per la collettività e l’ambiente. È la lezione, sempre più attuale, del grande urbanista Edoardo Salzano il quale ha saputo fondere la passione per il territorio e quella per le istituzioni.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg