Fare spazio alle attività culturali
Mauro Baioni
Un nuovo standard per una città multiculturale e solidale: il tema della scuola di eddyburg è l'argomento del numero 16 della rivista Quaderni di urbanistica tre. Disponibile in libreria e on-line. (m.b.)

Nelle città europee e italiane sono presenti luoghi accoglienti e democratici nei quali si svolgono attività culturali che sono l’espressione di una forma avanzata di welfare, inclusiva e abilitante, alla quale possono partecipare attivamente anche persone provenienti da nazioni differenti. Talvolta si tratta di strutture specializzate per la fruizione della cultura (biblioteche, musei, case della città), gestite e organizzate in modo innovativo. In altri casi, di edifici rimessi a nuovo da gruppi e associazioni, gestite in modo indipendente e talvolta in conflitto con le istituzioni. La loro presenza rivela l’esistenza di un campo di opportunità per rispondere positivamente all’istanza di costruzione di una società multiculturale, più solidale e coesa.

Con la scuola di eddyburg ci siamo occupati di questo tema, attraverso una serie di seminari, a Pistoia, Torino, Pisa, Conversano. Il quaderno pubblicato da Quodlibet restituisce gli esiti della nostra attività.  Abbiamo lavorato attorno all'ipotesi che gli spazi culturali possano essere considerati come un servizio essenziale, d’interesse generale, di cui garantire una presenza capillare. E ci siamo domandati se fosse utile inserirli fra le dotazioni obbligatorie che devono essere garantite nella formazione dei piani urbanistici.
Gli spazi culturali che abbiamo in mente sono, principalmente, luoghi conviviali. Non serve definirli in modo preciso, ma è importante sottolineare che cosa li rende speciali: sono luoghi inclusivi, flessibili, accessibili, belli ma non omologati, democratici e attivi. La varietà delle strutture ne rende possibile la diffusione nelle città e nei paesi più piccoli, nelle aree centrali e in quelle più esterne, nei luoghi aulici e nelle frange urbane. Abbiamo costatato il loro potere generativo: ovunque sono presenti, gli spazi culturali diffondono effetti positivi sulle persone coinvolte direttamente, sui fruitori assidui e occasionali, sul contesto circostante. La loro presenza contribuisce a costruire quotidianamente la multiculturalità, a legare in maniera costruttiva le diversità, a rendere la società più solidale, e a fare della città un luogo vivibile e accogliente.
Ad esito del nostro lavoro, possiamo ribadire l’importanza di uno “standard di valore”, non finalizzato a stabilire proporzioni e requisiti minimi e ottimali, quanto a garantire la necessità degli spazi culturali per rendere l'Italia una nazione compiutamente democratica, capace di rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona umana. Oggi le parole dell'articolo 3 della Costituzione suonano come un monito e indicano una direzione alternativa a quella propagandata dai governanti di turno. Come raccontiamo nel quaderno, le istituzioni locali, le associazioni e le forze politiche possono fare molto per far sì che i luoghi di incontro e dialogo tra le persone siano considerati come fulcri della struttura urbana. Per questo pensiamo che si possa e si debba fare spazio alle attività culturali. 
PS. Un grazie sincero a tutte le persone che hanno reso possibile le attività della scuola, a tutti i partecipanti e alla redazione di UrbanisticaTre che ha curato il numero della rivista. 
Sullo stesso tema
Mauro Baioni e Eddyburg e Eutropia
Gli spazi culturali conviviali vanno difesi dove sono sotto pressione, riconquistati dove sono sottratti, rivendicati dove possono essere attivati. Qui la prima guida di eddyburg, redatta in collaborazione con eutropian, per Fare spazio alle attività culturali.
Mauro Baioni, Ilaria Boniburini e Edoard
Il libro di Mauro Baioni, Ilaria Boniburini e Edoardo Salzano, che trae origine dalle ultime scuole di eddyburg.
Ilaria Boniburini
Dai materiali della IV edizione della Scuola di eddyburg, Asolo 2008. Scritti di Ilaria Boniburini, Giovanni Caudo, Paola Somma, Elisabetta Forni, Fernando Fava, Giancarlo Paba, Mauro Baioni, Maria Cristina Gibelli, Giulia Angelelli, Chiara Girotti, Graziella Guaragno, Elettra Malossi, Barbara Nerozzi, Raffaele Radicioni, Giorgia Boca, Roberto Giannì
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg