Accordo Italia-Libia: sfregio al diritto di asilo
Eddyburg
Ancora un'argomentata critica all'infame accordo tra l'Italia (testa di lancia dell'Unione europea nella guerra contro i più poveri della Terra) con la Libia dei negrieri e dei tiranni. LasciateCIEntrare online, 7 febbraio 2017.

"LasciateCIEntrare" condanna fermamente la politica di accordi e partenariati con i Paesi terzi portata avanti dall’Europa e dal Governo italiano in totale sfregio ai valori fondanti e fondamentali UE, al diritto di asilo sancito dalle leggi internazionali e al dovere di accoglienza previsto dalla nostra Costituzione.

Con il Memorandum con il Governo libico, infatti, l’Italia si impegna a fornire strumenti e sostegno, sia economico che militare, ad un paese che di fatto non ha ratificato le più fondamentali convenzioni in materia di diritti d’ asilo e di rispetto dei diritti umani, continuando a sottoporre le persone in fuga e intrappolate in Libia a trattamenti disumani e degradanti. Attualmente, sono centinaia di migliaia di migranti e rifugiati (oltre 300.000 secondo OIM) che si trovano in Libia, gran parte detenuti in centri che non rispettano gli standard stabiliti dal diritto internazionale e costretti a vivere in condizioni inumane, alla mercé di violenze e abusi di ogni sorta per mano delle forze dell’ordine, delle milizie, dei trafficanti e delle reti criminali. Campi che la stessa Commissione Europea definisce “inaccettabili e lontani dagli standard di rispetto dei diritti umani”, e che l’ambasciata tedesca ha definito “peggiori dei campi di concentramento”, denunciando esecuzioni, torture e stupri al loro interno.

Gabriella Guido (LasciateCIEntrare): “L’Europa delega la gestione del diritto di asilo ad un Paese che, di fatto, non lo riconosce. La Libia, infatti, non ha mai sottoscritto la Convenzione di Ginevra sui rifugiati del 1951.” E precisa: “L’assenza di un sistema di asilo in Libia impedisce alle persone in cerca di protezione internazionale di vedere la propria richiesta esaminata secondo procedure eque conformi al diritto internazionale dei rifugiati. Un memorandum illegale, quanto vergognoso, concluso peraltro con un “referente” politico non riconosciuto e che ancora di fatto non governa l’intero Paese. Le immagini dei migranti fermati dalla flotta libica e riportati indietro, tra i quali donne e neonati, sono le immagini per le quali un giorno l’UE verrà condannata per crimini contro l’umanità.”

La CEDU - Corte europea dei Diritti Umani - si è già pronunciata nel 2012 sui respingimenti in mare effettuati dal nostro paese verso la Libia di migranti condannando l’Italia per la violazione del divieto di sottoporre a tortura e trattamenti disumani e degradanti, l’impossibilità di ricorso, il divieto di espulsioni collettive e la violazione del principio di non-refoulement.

Questo accordo non è che l’ennesima dimostrazione della volontà dei leader europei di voltare le spalle ai rifugiati.

Ma questo punto ci chiediamo: esiste davvero differenza tra i muri di Trump e le navi militari europee? Nei giorni scorsi alla Valletta è andata in scena l’ennesima farsa dell’Europa e dei suoi leader politici che criticano a gran voce i provvedimenti USA ma si preparano a fare di peggio.
L’Italia revochi immediatamente il memorandum e fermi i rimpatri: impedire alle persone di lasciare Paesi non sicuri o costringerle a ritornarvi, equivale a sancire la loro vita e la loro morte.

Riferimenti

Sull'argomento vedi su eddyburg. i numerosi articli di Alex Zanotelli, Guido Viale, Filippo Miraglia, Luigi Manconi,  Carlo Lania, Ilaria Boniburini, Alberto D'Argenio, Leo Loncari, nelle cartelle 2017 Accoglienza Italia e 2015. EsodoXXI
Sullo stesso tema
Maurizio Ambrosini
Avvenire.it, 22 agosto 2019. A oltre settant'anni dalla dichiarazione universale dei diritti umani (10 dicembre 1948), la società nord-atlantica, che si proclama paladina dei diritti della persona, continua a calpestare sistematicamente il valore e la dignità degli esseri umani. Siamo di fronte non solo a un deterioramento giuridico ma anche a quello della cultura civile di un'intera società. (a.b.)
Edoardo Salzano
Un'indagine recente ha rivelato che milioni di cittadini tedeschi, i quali avevano certamente avuto conoscenza diretta o indiretta della tragedia dei campi di sterminio, avevano completamente rimosso dalla loro memoria quell'evento. Ho l'impressione che questo stesso fenomeno si stia ripetendo identico nel caso dei cittadini italiani al cospetto dei massacri perpetuati dal colonialismo in Africa in nome di una presunta "civilizzazione" (segue)
Maria Cristina Gibelli
Negli ultimi anni sono morti nel Mediterraneo almeno 15.000 migranti. E continuano a morire, anche se, allontanate le ONG, cade il silenzio su una strage continua, atroce, senza pietà neppure per i bambini. Il ministro della malavita però non si accontenta delle vite spezzate e del successo dei suoi slogan feroci. Vorrebbe di più. Per ogni vita strappata alla morte 5.000 euro di multa comminata ai salvatori. In un paese che alza muri, in città che si chiudono ai diversi, trattandoli come scarti dell’umanità, occorre ribellarsi prima che la barbarie di una nuova
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2022 Eddyburg