1924 - 2014 per le Province una ricorrenza storica
Sonia Soldani
La nuova riforma delle province, in atto in questi giorni, cancella quel tanto di democrazia istituzionale che era sopravvissuta al fascismo e si era rafforzata con la Repubblica nata dalla Resistenza
In questo mese di ottobre 2014, nelle Province italiane si insediano i primi consigli provinciali non eletti da parte dei cittadini, come voluto dalla Legge 56/2014, cosiddetta Legge Del Rio. Consigli un po' malinconici, senza presenze di pubblico (i cittadini non li hanno votati), solo qualche fotografo e i sindaci del territorio, loro grandi elettori di secondo grado. Questi sono i primi consigli non eletti direttamente dal popolo dalla nascita della Repubblica, in cui anche i nuovi componenti e i funzionari pubblici presenti manifestano un po' di disagio, un qualche imbarazzo, come dei sopravvissuti loro malgrado ad una altra epoca.

E allora, viene un tarlo nel pensiero: ma prima della nascita della Costituzione Repubblicana, prima della guerra e della Resistenza, come erano questi consigli provinciali? E quindi, anche ai pensierosi segretari e funzionari pubblici delle assemblee, viene in mente di andare a cercare, nella memoria degli studi giovanili, qualche aiuto, qualche spiegazione: per esempio, nel bellissimo libro di Ernesto Ragionieri, Politica e amministrazione nella storia dell'Italia unita, ed Riuniti, 1976.

Come era questa amministrazione provinciale nel periodo preunitario?

Partendo dal 1859, la legge Rattazzi sull'ordinamento comunale e provinciale del 23 ottobre 1859 prevedeva dei consigli provinciali elettivi, riservati al limitato suffragio del tempo, e cioè l'elettorato era riservato ai soli cittadini benestanti, maschi e che pagavano le tasse (elettorato per censo). Le varie leggi che si susseguono, come la legge Lanza del 1865 o Crispi, del 1888, (che istituisce la Giunta Provinciale amministrativa, definita dallo storico Merlino «una vera oligarchia che ha nelle sue mani tutte le libertà e i principali interessi della provincia" pag.174 , Ragionieri cit.), propendono per accentuare il decentramento burocratico piuttosto che il decentramento amministrativo, ma comunque i consigli provinciali continuano ad essere elettivi, fino al...».

Fino a che, con la legge maggioritaria Acerbo del 1923, e con le successive elezioni politiche del 1924, il Governo Mussolini,ormai solidamente padrone del Parlamento, con il pretesto della riforma della legge elettorale, (anche allora le cose erano strettamente legate) non rinvia le elezioni dei consigli provinciali che dovevano tenersi appunto nel 1924. Un rinvio prolungatosi sine die, perché allora i consigli provinciali furono sostituiti da Commissioni regie provvisorie, le province affidate a Presidi e Direttori di nomina governativa, e quindi inglobate nell'organizzazione dello stato fascista. Con la legge del 1926 il fascismo abolisce il carattere elettivo delle amministrazioni locali come spiega bene anche Domenico Gallo, nel suo bel libro Da sudditi a cittadini ed Abele, 2013.

Dunque, i consigli provinciali attuali, non eletti a suffragio universale del 2014, in qualche modo celebrano a distanza di 90 anni, la fine dei pur timidi e limitati Consigli provinciali del 1924, soppressi tacitamente dal Fascio. Una ricorrenza storica, i 90 anni della non elettività a suffragio universale, che deve far riflettere. Curiosamente, ci dice il Ragionieri, dal 1929 il regime fascista blocca anche le assunzioni nel pubblico impiego, realizzando così prima l'invecchiamento della burocrazia, e contemporaneamente la sua fascistizzazione. Corsi e ricorsi della storia, su cui Ragionieri, da grande storico quale è, ci fa riflettere con queste parole: «perciò il problema dell'ordinamento amministrativo dello stato, specchio e indice dei rapporti di classe e di potere (...) verrà riproposto ad ogni svolta e crisi decisiva della società italiana» (pag. 164).

Sonia Soldani, già Segretario comunale, è attualmente Vice Segretario della Provincia di Prato
Sullo stesso tema
Laura Di Lucia Coletti
Una lettere che ricordandoci le parole di un gufo del passato, ci ricorda che la ruota della storia gira e rigira: ciò significa che possiamo farla girare anche noi, magari nel verso giusto.
Ugo Leone
L'invito di Giorgio Nebbia (i
Guido Beltramini e Howard Burns
Replica dei rappresentanti del C.I.S.A., il Centro di studi palladiani, all'intervento scritto per
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg