“Il degrado linguistico”
Eddyburg
Maria De Deo
Gent.mo professore, intanto da lettrice assidua del suo Eddyburg (e badi bene che non mi classificherei di sinistra, né, tanto meno, di destra!) la ringrazio per le eccellenti aperture culturali che, realmente come finestre, lei ci propone sul mondo: trovo interessantissime tutte le rubriche che contribuiscono allo “spessore” del giornale nel suo insieme.
Simpaticissima, poi, questa rubrichetta sulle parole o le frasi che “inflazionano” (o sarebbe meglio dire “imperversano” nel) il mondo della comunicazione..italiana quasi volessero proporsi come un identificativo di un gruppo...del tipo “chi dice questa parola o usa questa circonlocuzione è a pieno titolo ammesso in questo o quel gruppo degli aventi facoltà di esprimersi”...roba da matti!
E a tal proposito mi permetto di suggerirle, come frasi che sento, a mo' di pausa dialogica dallo spessore pseudo-intellettuale, e piuttosto come intercalare, “ in buona sostanza” o anche il meno recente “a livello di: che ne pensa?
In realtà io credo che perfino il tanto abusato “come dire” avrebbe un suo senso preciso e non stonerebbe se....se come in tutte le cose e con tutte le cose non lo si usasse “senza senso”! Quello che credo è, in conclusione, che dovremmo tutti riappropriarci degli strumenti che la lingua ci offre per sviluppare un linguaggio comprensibile anche se personale...insomma: riflettiamo prima di buttar via le parole al vento. Che ne dice? Se ci preoccupassimo, prima di parlare, di cercare di capire se abbiamo realmente qualcosa da dire...beh....credo che in giro per l'Italia ci sarebbe un po' meno inquinamento acustico. Per non parlare del degrado linguistico, cui fa da cassa di risonanza il tubo catodico, che, e mi duole dirlo, ci viene proprio dai cosiddetti operatori (giornalisti in primis!...categoria di cui faccio parte).
Con “soppesata” stima e sincera gratitudine per quel che fa...la saluto cordialmente
Una sua lettrice

PS Mi permetto di riportare, sempre che non sia sgradita, una frase che a me è parsa molto semplice e pur molto "pregnante" del già Cardinal Ratzinger, ora Papa Benedetto XVI: “La morale è il coraggio di rinunciare alle grandi parole vuote”....mi pare interessante.

Sono perfettamente d’accordo lei. Il problema è l’impiego insensato (= senza senso) delle parole: il mancato rispetto per questo delizioso strumento di comunicazione. Se rispettassimo le parole, rinunceremmo a svuotarle svalutandole.

Sullo stesso tema
Laura Di Lucia Coletti
Una lettere che ricordandoci le parole di un gufo del passato, ci ricorda che la ruota della storia gira e rigira: ciò significa che possiamo farla girare anche noi, magari nel verso giusto.
Sonia Soldani
La nuova riforma delle province, in atto in questi giorni, cancella quel tanto di democrazia istituzionale che era sopravvissuta al fascismo e si era rafforzata con la Repubblica nata dalla Resistenza
Ugo Leone
L'invito di Giorgio Nebbia (i
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2022 Eddyburg