Note biografiche
Irene Berlingò
La sua vita, dedicata a scoprire il passato per i posteri
Nato a Toporu nel 1913, inizia la carriera archeologica sul Mar Nero, partecipando nel 1935 agli scavi della colonia greca di Histria diretti dal professor Lombrino ed eseguendo ricognizioni e ricerche in tutto il territorio dell’antica Scithia Minor.
Trasferitosi in Italia nel 1939, giunge in Sicilia nel 1949 e viene inviato a collaborare con Bernabò Brea a Siracusa. Qui conduce scavi e ricognizioni fino al 1951 quando Pietro Griffo, allora soprintendente alle Antichità per la Sicilia centro-meridionale lo chiama a Gela dove è in corso lo scavo delle mura greche.
Nel 1955 viene nominato ispettore presso la Soprintendenza di Agrigento.
Negli anni che vanno dal 1951 al 1958 conduce scavi sulla collina di Gela in collaborazione con Pietro Orlandini, dall’acropoli alle mura timoleontee di Caposoprano, a Butera e nei centri indigeni ellenizzati di tutta la Sicilia centro-meridionale.
Nel 1958, lasciata la Sicilia, si trasferisce a Roma dove è stato chiamato a creare e dirigere l’Aerofototeca del Ministero della Pubblica Istruzione.

Nel 1964 fonda e dirige la Soprintendenza Archeologica della Basilicata. Nel 1971 viene chiamato all’Università di Lecce per insegnare prima Etruscologia e Antichità Italiche poi Topografia dell'Italia Antica; nel 1977 viene trasferito a dirigere la Soprintendenza Archeologica della Puglia.
Lasciata la prestigiosa sede di Taranto per raggiunti limiti di età nel 1978, nel 1981 diviene professore ordinario presso l’Università di Lecce, dove dirige per un decennio l’istituto di archeologia e storia antica; dal 1981 il Dipartimento di scienze dell’antichità appena creato.

Vincitore di numerosi premi, tra cui il premio Feltrinelli per l’archeologia nel 1973 e il Premio Basilicata; insignito nel 1982 dal Ministero per i Beni Culturali e Ambientali di medaglia d’oro di benemerito della scuola, della Cultura e dell’Arte.

Muore a Policoro (MT) il 21 gennaio 2004.

Sullo stesso tema
Dinu Adamesteanu
Il lavoro di Dinu Adamesteanu qui presentato (grazie alla cortesia e alla pazienza di Giuliana Bilotta) è una relazione presentata al Secondo Convegno di Studi sulla Magna Grecia, tenutosi a Taranto dal 14 al 18 ottobre 1962, convegno che ebbe come tema: Vie di Magna Grecia. Gli atti furono raccolti in un testo ugualmente intitolato, e sono esauriti da tempo. In calce il collegamento alla cartella che contiene le illustrazioni del testo
Giuliana Bilotta
Giuliana Bilotta illustra il contesto e fornisce qualche informazione aggiuntiva sull'argomento dello scritto di Adamesteanu La fotografia aerea e le vie della Magna Grecia
Che cos'è la struttura inventata e diretta da Dinu Adamasteanu
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2022 Eddyburg